INFISSI: LEGNO, ALLUMINIO O PVC?

C’e’ finestra e finestra! In un casa gli infissi non sono certo un particolare trascurabile. Elegante passaggio verso la terrazza, il balcone o il giardino, trasparente sfogo per l’occhio, e, da un punto di vista piu’ pratico, indispensabile apertura per l’aerazione o, viceversa, solida barriera contro le intemperie e i rumori. Oggi parlare di finestre significa destreggiarsi tra differenti forme e materiali, discutere di estetica e di funzionalita’, di manutenzione e di sicurezza… insomma, non e’ poi cosi’ scontato scegliere una finestra! 

Innanzitutto, le forme. Chi l’ha detto che un infisso deve essere classicamente squadrato e con apertura a battente? Esistono aperture ovali, ad arco, a cuspide, ad oblo’ e dunque… che curve! Certo se una finestra geometricamente semplice si adatta a qualsiasi ambiente, archi, oblo’ ed altre curvature necessitano di un ambiente adatto. Cosi’ se una finestra ad arco e’ l’ideale per vecchi casali di campagna cosi’ come per signorili abitazioni cittadine, un oblo’ non potra’ mancare in moderne e bizzarre architetture nonche’ in romantiche mansarde.
Non mancano dettagli preziosi quali griglie all’inglese e, naturalmente al di la’ del vetro, antoni o griglie in sostituzione delle meno ‘affascinanti’ tapparelle. Se l’antone solitamente chiude l’accesso alla luce, la griglia invece le consente di filtrare creando cosi’ piacevoli atmosfere sia alle prime luci del mattino sia nei caldi pomeriggi estivi.
Una volta decisa la forma, e’ la volta del materiale. Legno, alluminio e pvc. Pino o abete, rovere o castagno, il legno resta… intramontabile. Gli infissi vengono protetti con vernice trasparente o impregnante, in questo modo il legno resiste meglio al sole e alla pioggia. In ogni caso occorre una periodica manutenzione – e’ necessario riverniciare. Rispetto ad alluminio o pvc il legno resta il materiale piu’ caldo e quello che, anche se un po’ trascurato ed ‘invecchiato’, mantiene intatto il suo fascino. Alluminio e pvc d’altro canto sono di piu’ facile manutenzione e molto resistenti agli attacchi degli agenti atmosferici. Dal punto di vista dell’isolamento termico pero’ gli infissi in alluminio sono meno affidabili, mentre il pvc consente un buon isolamento. Quest’ultimo materiale e’ molto adatto ad abitazioni in luoghi di mare perche’ resiste bene alla salsedine. Esistono anche soluzioni cosiddette ‘miste’ che utilizzano il legno all’interno e l’alluminio all’esterno.
Un’altra ‘variabile’ del sistema infisso e’ l’apertura che puo’ essere a battente ma anche a ribalta e, nel caso di portefinestre, abbiamo anche altre soluzioni: chiusure scorrevoli o vetrate ‘a pacchetto’. L’apertura a ribalta e’ l’ideale per ambienti come il bagno perche’, grazie a questo sistema, che consente di mantenere aperta solo la parte alta della finestra, il ricambio d’aria e’ assicurato.
E ora qualche particolare tecnico. Solitamente gli infissi hanno un telaio standard spesso 54-58 mm, ma, per i piu’ esigenti, si puo’ optare per uno spessore da 64-68 mm che garantisce un maggiore isolamento acustico e termico. Ricordiamo che, sempre per isolare al meglio la casa da agenti atmosferici e rumori, oggi il ‘classico’ vetro e’ stato sostituito da due lastre spesse 4 mm che chiudono un’intercapedine d’aria di spessore variabile.

Condividi questo articolo