La candeggina aumenterebbe il rischio di infezioni nei bambini

 

La candeggina utilizzata per le pulizie di casa espone i bambini al rischio di infezioni respiratorie e di altri tipi di infezioni. Un’ulteriore prova secondo cui l’abitudine di “disinfettare tutto” non sarebbe realmente amica della salute.

Lo studio in questione è stato pubblicato sulla rivista Occupational and Environmental Medicine. Lo ha realizzato un gruppo di ricercatori guidati da Lidia Casas, esperta del dipartimento Public Health and Primary Care Center for Environment and Health, di Lovanio, in Belgio. Lo studio porta il titolo di “Domestic use of bleach and infections in children: a multicentre cross-sectional study”.

I ricercatori si sono concentrati sull’impatto dell’utilizzo della candeggina a livello casalingo per quanto riguarda le conseguenze sulla salute dei più piccoli. Sono stati presi in considerazione oltre 9000 bambini di età compresa tra i 6 e i 12 anni. I bambini provenivano da Paesi differenti, come Spagna, Finlandia e Olanda.

Gli esperti si sono rivolti ai loro genitori, a cui hanno richiesto di compilare un questionario sulle condizioni di salute dei figli, con particolare riferimento alla frequenza con cui contraevano tonsillite, sinusite, bronchite, otite, polmonite e influenza.

Accanto alle informazioni relative alle condizioni di salute dei figli, ecco la richiesta di dettagli sulle abitudini legate alle pulizie domestiche. Ai genitori, in particolare, è stato chiesto di indicare se per abitudine utilizzassero la candeggina per le pulizie di casa almeno una volta alla settimana.

In base alla suddivisione dei Paesi presi in considerazione, è emerso che l’impiego di candeggina per le pulizie di casa è molto comune in Spagna mentre è piuttosto raro in Finlandia. I ricercatori hanno indagato anche riguardo all’impiego della candeggina nella pulizia delle scuole frequentate dai bambini che hanno partecipato allo studio.

Le abitudini relative all’uso di candeggina si sono confermate anche per quanto riguarda la pulizia degli edifici scolastici. Le scuole spagnole prese in considerazione venivano pulite con la candeggina mentre non era così per le scuole finlandesi.

Le conclusioni dello studio? Meglio non utilizzare la candeggina per le pulizie né a casa né a scuola. Dallo studio infatti è emerso che i bambini maggiormente esposti alla candeggina presentavano un rischio superiore del 20% di ammalarsi di influenza e del 35% di contrarre la tonsillite rispetto ai bambini non esposti alla candeggina.

Finalmente potrete dire “candeggina addio” senza remore?

Marta Albè

 Fonte: greenme.it

Condividi questo articolo