Stira e …ammira!

Stirare, che noia! Se dovessimo lanciare un sondaggio tra tutte le casalinghe e casalinghi d’Italia, state pur certi che inamidare e passare col ferro le camicie risulterebbe sicuramente tra le attività domestiche meno apprezzate.

La scelta dello ‘strumento di tortura’ – ovvero il ferro da stiro – può però rivelarsi fondamentale per rendere questi momenti meno duri e, sopratutto per evitare spiacevoli incidenti o inutili sprechi di energia.

Che sia a secco o a vapore, optate per apparecchio resistente a urti, calore e ruggine. E’ importante anche che sia dotato di protezione per le mani e di un cavo lungo almeno due metri, così da evitare l’uso di prolunghe. La sicurezza elettrica è garantita dal marchio IMQ, ma, in ogni caso, è bene fare attenzione e attenersi a certe piccole regole d’uso.

Come per tutti gli elettrodomestici, vale la regola di non utilizzare il vostro ferro da stiro a piedi nudi, o con le mani bagnate. Quando inserite l’acqua nella caldaia, l’apparecchio deve essere rigorosamente spento.

Inoltre, staccate la spina anche se vi dovete allontanare durante la stiratura, sopra tutto se ci sono bambini che girano per casa. Una volta terminato il lavoro, poi, non arrotolate il cavo elettrico sul filo
ancora caldo.

Ricordate infine che il ferro da stiro consuma molta elettricità: se siete tra coloro che ne fanno un uso smoderato, dando tutte le mattine un’ultima passata alle pieghe della gonna o al coletto della camicia prima di indossarla, ve ne sarete sicuramente accorti dalla bolletta salata! Ecco allora qualche consiglio per tenere i consumi sotto controllo: cercate, se possibile, di accumulare il più possibile la biancheria da stirare; eviterete così di accendere e spegnere l’apparecchio troppe volte, risparmiando energia.

I tessuti troppo secchi o troppo umidi aumentano i tempi di stiratura, perciò è preferibile inumidirli sempre al punto giusto. Allo stesso modo, ogni tessuto richiede una temperatura diversa: ricordatevi quindi di regolare il termostato del ferro quando passate, per esempio, da un capo in cotone ad uno in lana.
Il ferro da stiro, per finire, come tutti gli apparecchi elettrici, richiede un’ accurata manutenzione: tenete sotto controllo gli accumuli di calcare nella resistenza o nella caldaia (per gli apparecchi a vapore); se il calcare è arrivato ad otturare i fori
della piastra, non affidatevi a soluzioni ‘fai da te’, ma preferite i prodotti specifici in commercio.

Condividi questo articolo