Usare con precauzione!

Tensioattivi, enzimi, acidi e altre sostanze nocive sono normalmente presenti nei prodotti utilizzati per la pulizia della casa e dunque, una volta preso atto di questo, cerchiamo di capire perche’ occorre prestare attenzione all’utilizzo di tali prodotti. Se effettivamente il rischio piu’ grosso lo si corre in caso di ingestione – rischio da non sottovalutare nel caso di bimbi che girano per casa – come dicevamo esistono anche conseguenze che si possono manifestare col tempo o che risultano meno evidenti, come il fatto che l’organismo viene “inquinato” dal contatto quotidiano con tali sostanze e dunque s’indebolisce nel corso del tempo, magari senza che neanche ce ne rendiamo conto, cosi’ come spesso non ci si rende conto di quanto stiamo compromettendo la situazione ambientale. Oggi pero’ la tossicita’ di queste sostanze viene spesso messa in relazione con la comparsa di dermatiti, irritazioni cutanee e anche affezioni bronchiali.

Ecco l’effetto di alcune di queste sostanze sul nostro organismo.

CANDEGGIANTI. Nel caso di PERBORATO SODICO e’ pericolosa l’ingestione in quanto il boro da esso liberato viene assorbito velocemente dall’organismo, in questo caso si verificano: vomito, cefalea, dissenteria, nefropatia del rene, lesioni cutanee ed eritemi. L’IPOCLORITO DI SODIO e’ irritante per contatto, inoltre insieme a sostanze acide sviluppa gas cloro, uno dei piu’ tossici. Il suo odore pungente e’ facilmente percepibile anche a basse concentrazioni, provocando bruciori agli occhi e al naso. Nelle nostre abitazioni conserviamo ed utilizziamo molte sostanze acide; se l’iperclorato entra in contatto con l’ammoniaca, per esempio, sviluppa clorammina, un gas molto irritante.

I TENSIOATTIVI ANIONICI entrano in contatto col nostro organismo direttamente dalla cute ma anche per inalazione delle polveri – pensate ai detersivi in polvere che utilizziamo per le lavatrici – e naturalmente per ingestione. Le conseguenze: l’insorgere o l’esacerbarsi di un’allergia; essi aggrediscono la parte grassa e protettiva della cute, cosi’, intaccando lo strato di grasso e “corrodendolo”, compaiono le dermatiti. I detersivi per lavastoviglie, molto alcalini, sono i piu’ pericolosi e, oltre al pericolo di ingestione involontaria, anche per contatto possono provocare lesioni della pelle.

Tra i TENSIOATTIVI CATIONICI, il benzalconio cloruro risulta essere abbastanza tossico. Sembra che a concentrazioni comprese tra lo 0,1 e lo 0,5% possa provocare irritazioni alle mucose oculari, mentre concentrazioni al 10% risulterebbero irritanti per la cute.

Gli ENZIMI hanno come principale caratteristica quella di aggredire lo sporco di natura proteica, cio’ significa che possono attaccare anche la pelle o penetrare nei polmoni. Tra l’altro possono rallentare la guarigione della pelle screpolata e possono portare alla comparsa di allergie.

Le CREME DETERGENTI per pulire i metalli sono tossiche: contengono, oltre ai tensioattivi, anche tiourea e acido cloridrico – ricordiamo che oltre ad eliminare lo strato di solfuro formatosi sul metallo, tolgono anche uno strato del metallo stesso.

Negli AMMORBIDENTI oltre ai tensioattivi cationici, e’ presente anche l’alcol, in particolare l’alcol isopropilico, piu’ tossico rispetto a quello etilico – la sua tossicita’ però si evidenzia in caso di improbabile ingestione di dosi abbastanza consistenti: 2 l per un adulto e 200 ml per un bambino.

I DETERGENTI per PULIRE I FORNI possono causare infiammazioni delle mucose e della cute, oltre a provocare la tosse.

Gli ACIDI sono chiaramente pericolosi soprattutto in caso di ingestione ma non solo. Per esempio l’inalazione di acidi concentrati come l’acido cloridrico puo’ irritare le vie respiratorie, provocare riniti, polmoniti e via via fino a sintomi piu’ gravi. Le basi o alcali sono molto dannosi per la pelle a causa della loro reazione in contatto con lo strato lipidico, infatti distruggono le sostanze idrofile dello strato corneo. L’ammoniaca, utilizzata molto spesso in casa diluita in acqua, inalata anche in basse concentrazioni irrita le vie aeree e gli occhi – con possibilita’ di lesionare le cornee.

Ricordiamo che per tutte queste sostanze e’ chiaramente pericolosa l’ingestione.

Condividi questo articolo