Aglio e cipolla: mai più odore sulle mani!

Alzi la mano chi, dopo aver preparato un bel soffritto con cipolla fresca tritata al momento, non ha mai rimpianto l'opzione surgelata, già pronta da mettere in padella. L'uso in cucina della cipolla fresca è legato, infatti, a un inconveniente particolare: non ci riferiamo al noto “effetto lacrimazione”, ma più semplicemente al fastidioso odore che rimane “attaccato” alle mani per diverso tempo e così difficile da mandare via.


Di rimedi empirici ne esistono diversi, dal succo di limone al dentifricio, e alcuni sconfinano quasi nell'alchimia come quello – gode di una certa notorietà – che prevede lo sfregamento della lama di un coltello d'acciaio sulle mani…
Senza voler qui negare il valore delle “tradizioni popolari”, perché non provi a rimuovere letteralmente il problema con Bicarbonato?
Le sue proprietà neutralizzanti e antiodore contrastano le sostanze volatili responsabili del problema, risolvendo il problema alla radice.
Naturalmente ciò non vale soltanto per la cipolla: anche aglio e pesce, ad esempio, presentano la stessa contraddizione, ovvero gustosi in tavola e fastidiosi sulle mani…
Prova allora a realizzare una “pasta lavamani” tutta naturale, miscelando 1 parte di acqua e 3 parti di Bicarbonato e a utilizzarla come un normale sapone prima di risciacquare, sfregandola bene sulle mani, magari con l'aiuto di una spugnetta. A parte la grande efficacia, l'unica differenza consiste nel fatto che Bicarbonato è un prodotto di origine minerale, non irritante per la pelle.

Il consiglio:
3 parti di Bicarbonato miscelate a 1 di acqua per realizzare una pasta sufficientemente densa.

Fonte. bicarbonato.it

Condividi questo articolo