Allergie alimentari, tornare ai cibi di una volta

Si parla sempre più spesso di intolleranze alimentari, tanto che il 30% delle persone pensa di soffrire di una qualche forma di allergia. In realtà le allergie alimentari vere colpiscono il 4-5% della popolazione globale. Certo è che il proliferare di diete fai da te, che prevedono l'introduzione di nuovi alimenti e il ricorso alle trasformazioni industriali delle fonti alimentari, “possono provocare seri danni alla nostra salute”.

E poi il maggiore utilizzo degli additivi alimentari, e l'incremento a consumare pasti fuori casa sono ulteriori cause ad un malessere allarmante. E' quanto sottolinea Oliviero Rossi, allergologo Consigliere della Siaic (Allergologi e Immunologi Clinici), in occasione  del 2° Congresso dell'IFIACI, la federazione che racchiude le tre Società Medico Scientifiche nazionali (Siaic, Aaito e Siica) in corso a Verona.

Si parla di prevenzione da attuare nei comportamenti alimentari, eliminando quegli alimenti responsabili delle allergie. Si pensi, ad esempio, ai solfiti, contenuti non soltanto nei vini soprattutto bianchi, nella birra, nei succhi e sciroppi di frutta, ma anche nelle patate, frutta secca e candita, funghi secchi, gamberi e crostacei e baccalà. Poi ci sono le intolleranze al glutine, al lattosio, al nichel che si trova anche negli alimenti: “molto spesso la pubblicità porta a degli approcci diagnostici non corretti e questo va denunciato perché molti pazienti si rivolgono alla medicina alternativa per fare dei test che non sono assolutamente affidabili da un punto di vista scientifico”.  

“Occorre rivolgersi innanzitutto agli specialisti che seguano un iter diagnostico standardizzato e scientifico, e una volta individuato realmente i fattori responsabili dei sintomi occorre attuare delle diete mirate, compatibilmente con le caratteristiche del paziente ” chiude Oliviero Rossi ” Anche nel campo allergologico farebbe sicuramente bene un'alimentazione che rivaluti gli alimenti di una volta scevri da produrre fenomeni anche immunologici particolari che aggravano o favorivano le allergie e a maggior ragione le intolleranze. Anche nel vino che si beveva non c'erano tracce di solfiti, oggi ne sono pieni tutti i vini”.

Condividi questo articolo

Cerca nel sito

Contenuto Intrattenimento e Consigli

30/1746 articoli in Intrattenimento e Consigli

Feed RSS