Carie dentale e igiene orale

La carie dentale è una patologia conseguente ad un processo di demineralizzazione inizialmente dello smalto e poi della dentina

La patologia cariosa, di origine batterica, si colloca tra le malattie infettive più diffuse nella popolazione mondiale ed in particolare come l'infezione cronica più comune in età pediatrica negli Stati Uniti, con una prevalenza di:

oltre il 40% all'età di 6 anni in dentizione decidua;

oltre l'85% all'età di 17 anni in dentizione permanente.

Nel cavo orale sono presenti circa 300 specie microbiche di cui almeno 20 sono cariogene; il batterio più importante nell'eziopatogenesi della carie è lo Streptococcus mutans, anche se nelle lesioni cariose si possono rinvenire altri germi cariogeni quali altri streptococchi (S. oralis, sanguis, mitis), lattobacilli e actinomiceti.

La carie dentale è una patologia conseguente ad un processo di demineralizzazione inizialmente dello smalto e poi della dentina, causato da acidi ed enzimi batterici, che si articola essenzialmente in due fasi:

fase inorganica (dissoluzione della matrice minerale);

fase organica (dissoluzione della matrice organica).

Clinicamente la lesione si presenta:

inizialmente come white spot , una macchia bianca gessosa, in cui il processo di demineralizzazione è ancora reversibile;

in seguito quale fase cavitaria, irreversibile, con perdita di sostanza variabile a seconda del grado di profondità della lesione cariosa.

L'igiene orale è fondamentale per il mantenimento della salute della gengiva e dei denti.

La mancanza di un'adeguata igiene orale domestica, eseguita lavando i denti dopo ogni pasto, comporta l'accumulo di una patina di calcare che tende a diventare il ricettacolo di batteri patogeni: la placca.

Per valutare la formazione di placca in bocca occorre munirsi di uno specchietto odontoiatrico in vendita in farmacia o nei negozi di articoli sanitari e di un rilevatore di placca, un liquido con cui sciacquarsi la bocca e da sputare successivamente: le aree dove si è formata la placca appariranno colorate, solitamente in rosso, per effetto dell'azione del liquido rilevatore: in tal modo è possibile pulire con maggiore accuratezza denti e gengive.

Per lavare i denti dopo ogni pasto, è necessario usare:

lo spazzolino;

il filo interdentale;

lo spazzolino interdentale (o scovolino);

lo spazzolino a cono;

il dentifricio prima non fluorato e poi fluorato a partire dai tre anni di vita;

il collutorio.

La carie è una patologia prevenibile, per cui il ruolo della prevenzione primaria nell'infanzia assume un'importanza fondamentale: l'igiene orale deve essere iniziata a partire dai dodici mesi di vita.

Campagne di promozione della salute vanno attuate soprattutto a scuola, il luogo dove più facilmente si può reperire e sensibilizzare il maggior numero di soggetti, coinvolgendo bambini, genitori ed insegnanti.

Fonte: www.supereva.com (guida)

Condividi questo articolo