Come fare il cambio di stagione negli armadi

L'autunno è arrivato da qualche giorno, e con esso è in arrivo anche la stagione fredda e la riorganizzazione generale della nostra vita anche in base alle stagioni. Cambia il modo di andare in giro, in quanto d'estate magari si predilige l'uso delle biciclette e dei motorini, mentre in autunno e in inverno prendere l'automobile in certi freddi giorni di pioggia diventa pressoché indispensabile. Cambia anche il modo di cucinare, si lascia spazio alle minestre e i cibi caldi piuttosto che alle insalate di pasta, i gelati e tutti i cibi freddi.

Anche il modo di vestire cambia con l'arrivo dei primi freddi. Le maniche corte, le canotte e i pinocchietti, lasciano spazio ai maglioncini di cotone, i jeans e le scarpe rigorosamente chiuse.

Tra le tante cose da riordinare infatti, l'armadio è una della principali. Il cosiddetto cambio di stagione è dunque alle porte, amici miei.

Ma come fare per ordinare il nostro armadio nella maniera ottimale secondo il cambio di stagione in corso? Se continuerete a leggere questa guida lo scoprirete!

Istruzioni

  • Innanzitutto, prima di incominciare con il cambio di stagione, è utile fare l' inventario del vostro guardaroba. Incominciate eliminando tutti quei vestiti che per qualche motivo non indossate più. Non lasciamoci prendere da cose del tipo: “Ci sono affezionato/a!”. Se non indossate un vestito da anni un motivo ci sarà no?
  • Pulite l'armadio molto bene: approfittando del cambio di stagione quindi, svuotatelo interamente per pulirlo come si deve.
  • Successivamente, mettete da parte i vestiti estivi dentro scatole apposite. Ma prima ovviamente, lavateli e conservateli perfettamente puliti in modo da ritrovarli in ordine quando serviranno.
  • Organizzate l'armadio in maniera intelligente. Disponete i vostri abiti in base alla tipologia, alla lunghezza oppure al colore.
  • Se dovete conservare degli indumenti, non usate le classiche custodie in plastica, ma coprite gli abiti che indossate poco con un vecchio lenzuolo o con una federa. Piegate in due un lenzuolo e praticate un foro sulla piega e successivamente infilateci dentro l' uncino dell'attaccapanni. La plastica infatti (comprese quelle che usano in lavanderia) non lascia traspirare i vestiti e con il tempo li macchia di giallo.
  • Se volete evitare la naftalina perché vi sa tanto di vecchio, ricordatevi che in commercio si trovano una serie infinita di prodotti antitarme dall'odore più fresco, giovanile e gradevole. In alternativa, potete fare dei fagottini con dentro 12 gessetti contro l'umidità. Il gesso infatti assorbe benissimo l'umidità.
  • Per tenere lontano muffe e parassiti inoltre, procedete nel seguente modo: procuratevi due foglie di alloro, cinque chiodi di garofano, una bustina di tè, una o due spighe di lavanda, due pezzettini di legno di cedro e un cucchiaio di bicarbonato. Mettete tutti gli ingredienti insieme dentro un fazzolettino di cotone legato con uno spago. Questo sacchettino profumato inoltre, è consigliatissimo per i ripiani o i cassetti dove tenete asciugamani e lenzuola.

Buon lavoro!

Scritto da valentinagambino

Fonte: comefare.com

Condividi questo articolo