Come vedere Sky go su smartphone e tablet

Come funziona Sky Go, il servizio della pay-tv Sky che ci viene in soccorso quando vogliamo vedere programmi e partite di calcio su smartphone e tablet.

Purtroppo, non sempre è possibile restare seduti comodi sul proprio divano a godersi una partita di calcio o una puntata di un bel telefilm. Proprio per questo motivo Sky ha creato Sky Go, in modo che nonostante gli impegni o le faccende domestiche tengano lontani dallo schermo televisivo, si possono utilizzare i dispositivi mobile per non perdersi neanche un minuto di televisione.

Cos’è Sky Go, quanto costa e chi può attivarlo?

Sky Go permette di vedere la programmazione Sky legata al proprio abbonamento direttamente da web (con partnership interessanti insieme a Fastweb o Tim), su app per smartphone o per tablet. Si possono guardare le partite di calcio di Serie A o internazionali e gli show più seguiti nei canali in diretta, oppure si può scegliere quello che si desidera nell’enorme videoteca on demand che conta migliaia di titoli tra serie tv, film, documentari e cartoni animati.

Ma quanto costa Sky go? Qui viene il bello: assolutamente niente. Se si attiva un nuovo abbonamento, il servizio Sky go è compreso gratuitamente e automaticamente. Se invece si è clienti Sky da almeno un anno, basta registrarsi sul sito nell’area Fai da te e attivarlo direttamente online. Se si vuole utilizzarlo da mobile, l’app è disponibile per iOS, Android e Windows Phone.

Una volta scaricata l’applicazione si è pronti a partire. Bisogna ricordarsi che è possibile abilitare solo due dispositivi al proprio account, che i contenuti disponibili sono quelli inclusi nel proprio abbonamento Sky (quindi niente partite di calcio comprese se non si ha il pacchetto Sky Calcio) e di fare attenzione al traffico dati e ai relativi costi derivanti dal proprio operatore telefonico.

Le caratteristiche più interessanti

Andando a guardare i particolari, Sky Go ha molte caratteristiche interessanti soprattutto per chi è interessato a vedere Sky su smartphone e tablet.

Come alla televisione, c’è la possibilità di scegliere di vedere i programmi in lingua originale (sia per i programmi in diretta che per i programmi online) e, per quanto riguarda le partite di calcio che la prevedono, si può selezionare la “Cronaca del tifoso” attraverso la linguetta “Lingua Audio”.

Se si vuole controllare e limitare il consumo del traffico di dati, Sky Go permette di selezionare due opzioni:

  • Ridotto, che permette un consumo inferiore abbassando la qualità video;
  • Solo audio, che elimina del tutto la riproduzione del video quasi azzerando il consumo dati.

Il parental control permette di essere sicuri nel caso l’applicazione venisse usata da bambini piccoli, mentre grazie alla funzione MyTv, l’applicazione ricorda a che punto si ha interrotto la visione di un contenuto e permette di salvare una lista di programmi “da vedere”.

Tramite l’applicazione si può anche interagire in diretta con i programmi partecipando ai sondaggi o votando l’uomo partita Sky delle partite di calcio, si possono impostare promemoria per ricordarsi quando un determinato programma sta per iniziare e si può programmare il proprio My Sky per registrare quel contenuto che proprio non vuoi perderti.

Sky Go è il miglior servizio disponibile?

Sky Go si inserisce di prepotenza nel mercato delle applicazione per la fruizione mobile di contenuti in diretta o on demand. Il diretto concorrente è sicuramente Premium Play, l’applicazione che permette di vedere i canali live di Mediaset Premium e migliaia di contenuti on demand di proprietà dell’azienda di Cologno Monzese.

Per quanto riguarda i soli contenuti on demand, entrambe le aziende hanno dovuto fare i conti con l’entrata nel mercato italiano del colosso americano Netflix che in pochi mesi ha attirato l’attenzione di migliaia di persone. Sky ha risposto con Sky Online e Mediaset con Infinity e la battaglia si giocherà soprattutto sulla compravendita dei diritti di trasmissione. Ma se e quando Netflix dovesse decidere di trasmettere contenuti live, riusciranno gli altri due a resistere?

Condividi questo articolo