Contro la pelle secca inutile bere di più

Bere di più per contrastare la secchezza della pelle? “Un falso mito”, spiega Marcello Monti, docente di Dermatologia dell'università di Milano e responsabile dell'Unità operativa di dermatologia di Humanitas Salute, “perché la pelle viene continuamente bagnata dalla corrente di liquidi che provengono dal sangue.


 E per far in modo che parte dell'acqua non si disperda in vapore nell'aria che ci circonda, la natura ci ha dotati di una barriera, formata da un insieme di cellule appiattite e di grassi”.
Insomma, la pelle “può diventare secca in molte condizioni, ma non per mancanza d'acqua. Se beviamo più del necessario, l'acqua in eccesso si disperde attraverso il sudore e l'urina, ma non andrà a idratare la pelle”. Non solo: se si beve in eccesso, “aumentano i depositi d'acqua nei tessuti e quindi la cellulite; il rene lavora troppo e si favorisce un aumento della pressione”.
Nei giovani, assicura Monti, la prima causa del problema sono i lavaggi: saponi, latte detergente e schiume sottraggono i grassi che impermeabilizzano lo strato corneo, così l'acqua passa all'esterno rendendo secca la pelle. E non basta correre ai ripari con una crema idratante. “Una volta sottratti con i detergenti i grassi dalla nostra pelle, anche se poi applichiamo una crema idratante, la cute rimane ugualmente secca”. I grassi della crema, infatti, non sono in grado di ripristinare la “barriera”. Insomma il segreto sta “nell'usare moderatamente sapone, shampoo o latte detergente. Meglio, poi, utilizzare le nuove basi lavanti che hanno la particolarità di rispettare i grassi, pur pulendo la pelle o i capelli”.

Fonte:www.buongiorno.it

Condividi questo articolo