Dentifricio, non solo per lavare i denti. Ecco 14 usi alternativi

Il dentifricio può avere molte più applicazioni oltre ad essere utilizzato per l'igiene orale. Ecco 14 possibili situazioni in cui possiamo usare la pasta dentaria in assenza di altro materiale.

Siamo solitamente abituati ad usare ogni oggetto o sostanza solo per i fini per i quali sono stati prodotti, senza chiederci nulla sulla sua reale efficenza, fidandoci ciecamente di chi lo mette sul mercato. Ma cosa potrebbe succedere se cominciassimo ad usare anche in maniera alternativa tutto ciò che usiamo quotidianamente? Ecco l'esempio del dentifricio, accompagna ogni nostra giornata, ma potremmo utilizzarlo anche per almeno altre 15 attività, ecco degli esempi:

1) Utile per alleviare l'irritazione provocata dalle punture di insetto. Basta applicare una minima quantità di dentifricio sulla parte interessata per calmare il prurito e ridurre il gonfiore. Il dentifricio tende anche ad asciugare le piccole ferite o bolle permettendo così alla piaga di rimarginarsi più velocemente.

2) Asciugare i brufoli. Applicate una punta di dentifricio solo sul foruncolo che volete eliminare in poco tempo, meglio la sera prima di andare a dormire. Il mattino dopo lavatelo e vedrete che sarà completamente asciugato.

3) Pulizia delle unghie. Per unghie più pulite, lucide e forti è sufficiente mettete un po' di dentifricio su un vecchio spazzolino inutilizzato. Se usate un dentifricio sbiancante contenente perossido potrete rimuovere il colorito giallognolo che si crea dopo un ampio uso dello smalto.

4) Ordinare i capelli. Può sostituire il gel in quanto i dentifrici in gel contengono gli stessi polimeri solubili in acqua dei gel per capelli quindi, come soluzione estrema, provate a scolpire i vostri ciuffi col dentifricio.

< B>

5) Elimina i cattivi odori. Per eliminare odori sgradevoli sulle mani come quello da aglio, cipolla o pesce è sufficiente lasciare sulle nostri mani una dose di dentifricio e lasciate agire per qualche minuto prima di sciacquare con acqua tiepida.

6) Rimuove le macchie. Elimina le macchie difficili da tessuti o tappeti. Sui vestiti, applicate direttamente sulla macchia il dentifricio e strofinate energicamente, quindi lavate il capo normalmente. Bisogna fare attenzione ai dentifrici sbiancantiperché possono avere un effetto candeggiante sui tessuti.

7) Pulire le scarpe da ginnastica. Scarpe da ginnastica usurate possono tornare come nuove grazie al dentifrico ed una spazzola

8) Elimina le macchie sui muri. Mettete il dentifricio sulla parete e strofinate con un panno umido: le macchie spariranno.

9) Fa brillare l'argenteria. Applicate sui vostri pezzi d'argenteria o sui vostri gioielli e lasciatelo agire per tutta la notte. Il mattino dopo pulite tutto con un panno umido. L'argeto sarà lucido e brillante! Evitare i dentifrici con migrogranuli.

10) Rimuove i graffi su CD e DVD. Rimedio utile per i graffi superficiali e macchie presenti sui CD o i DVD. Basta applicare uno strato sottilissimo di dentifricio e strofinare delicatamente. Poi, passate sulla superficie del disco un panno umido.

11) Stuccare i muri. Se avete da tappare un buco sul muro se vi manca lo stucco potete tranquillamente usare il dentifricio bianco

12) Pulisce bene i biberon dei bambini. Per rimuovere ogni residuo dal biberon e elimina quel caratteristico odore dilatte che rimane all'interno, fate una pulizia con del dentifricio con i microgranuli aiutandovi con unoscovolino per bottiglie. Ricordatevi di sciacquare più volte il biberon prima di riutilizzarlo.

13) Toglie la crosticina bruciata dal ferro da stiro. A volte la piastra del ferro da stiro sviluppa una crosticina bruciata. Per eliminarla, utilizzate del dentifricio:contiene silice che macina via ogni residuo di ruggine.

14) Utile per evitare l'appannamento delle lenti. Trucco usato dai subacquei o i nuotatori. E' sufficiente strofinare una piccola quantità di dentifricio sulle lenti delle maschere da sub o gli occhialini e poi sciacquare per evitare l'appannamento. Attenti operò a non graffiare le lenti con i granuli abravisi di alcuni dentifrici.

Gabriele Biandolino

Fonte: www.net1news.org

Condividi questo articolo