…E TERMINA CON LO STRETCHING

Con lo stretching stop agli stiramenti Lo stretching (o allungamento) eseguito correttamente aumenta la flessibilita' muscolare. Grazie a posizioni che permettono a una determinata catena muscolare di allungarsi, aiuta ad aumentare l'ampiezza dei movimenti degli arti superiori e inferiori; previene strappi e stiramenti muscolari e inoltre permette di rilassare mente e corpo.

 Ottimo esercizio per chi svolge un lavoro sedentario e soffre per questo motivo di dolori alle articolazioni. Quando la schiena non e' allenata a movimenti che vadano oltre la deambulazione, perde flessibilita' e da' facilmente problemi, per esempio, impedisce una corretta respirazione. In un corpo elastico, anche la circolazione sanguigna funziona meglio.
Ecco gli errori piu' comuni di un riscaldamento scorretto:
- troppo poco riposo tra un esercizo e l'altro
- eccessivo allungamento
- esercizi in sequenze errate
Dopo un buon riscaldamento, impegnatevi in esercizi di trazione di almeno 20 secondi l'uno, evitando assolutamente i molleggi.
Fermatevi prima di avvertire dolore: quando l'esercizio fa male, non vuol dire che funziona meglio, anzi spesso danneggia la muscolatura.
Lo stretching praticato regolarmente stimola la produzione di sostanze chimiche che lubrificano e fanno funzionare meglio i tessuti connettivi. In alcuni casi, gli esercizi di allungamento rendono piu' sopportabili i dolori mestruali (dismenorrea).

…e allo stress!

L'allungamento dei muscoli diminuisce la rigidita' dell'organismo spesso evita gravi danni in caso di infortunio e aiuta a sopportare le eccessive sollecitazioni a cui muscoli e tendini vengono sottoposti. In caso di superlavoro e lavoro sedentario, lo stretching arresta l'irrigidimento causato dalla tensione che olpisce soprattutto collo, schiena e tendine d'Achille. L'esercizio di allungamento migliora l'irrorazione capillare, dona energia e favorisce il superamento dello stress.

Esercizio per la parte bassa della schiena:
distentiti a terra con le gambe piegate, porta le ginocchia al petto, circondandole con le braccia e sollevando bacino e testa.

per le spalle:
siediti a gambe incrociate. Metti la mano destra sul lato sinistro della testa e spingi delicatamente il capo verso destra. Ripeti dall'altro lato, tenendo le spalle ferme.

Quando raggiungi la posizione di tensione, mantienila per 20-30 secondi. Lentamente passa a una posizione in cui la tensione aumenta e rimani fermo per altri 20 secondi. Evita di molleggiare.

Fonte:Focus on Beauty&Wellness

Condividi questo articolo