Emorroidi

Le emorroidi sono causate dalla dilatazione e dallo sfiancamento di un gruppo di vene, strettamente collegate tra di loro, poste a livello del retto e dell'ano. In altre parole si tratta di varici delle vene dell'ultimo tratto dell'intestino (il retto) e dell'ano. Il sintomo più frequente è rappresentato dal sanguinamento (in genere di colore rosso vivo, liquido e senza coaguli) e può apparire al termine della defecazione con perdita dal canale anale di alcune gocce di sangue oppure può striare le feci senza esserne tuttavia mai commisto.

Altro sintomo tipico è rappresentato dal senso di peso nella regione anale, con sensazione di tensione e un modesto bruciore o prurito dopo la defecazione. Le cause delle emorroidi non sono ancora chiare: possono essere ereditarie (una fragilità costituzionale dei tessuti vasali), meccaniche (ostruzione al ritorno venoso, e in questo caso la principale imputata sarebbe la stipsi), o ormonali (che spiegano la comparsa delle emorroidi in gravidanza). Altre cause vanno ricercate in abitudini comportamentali (vita sedentaria, eccesso di sforzi fisici violenti) e alimentari (le infiammazioni ripetute causate dagli squilibri nell'alimentazione). Infine l'abuso di lassativi che, associandosi sempre alla stipsi, rappresentano una delle condizioni ideali per la comparsa di emorroidi.

Per quanto riguarda la terapia gli oligoelementi indicati si segua quanto detto a Varici, e si consideri la voceCircolazione per gli aspetti generali, in particolare per quanto riguarda l'utilizzo di Vitamina C, Bioflavonoidi e Vitamina B3.

Omeopatia
Tutti i rimedi vanno assunti alla 5 CH o 7 CH, nella misura di 3 granuli per 3/4 volte al giorno, anche associati tra di loro.

Arnica: sensazione di contusione locale, che peggiora per qualsiasi contatto.

Muriaticum acidum: emorroidi gonfie, esterne, scure, che trasudano senza sanguinare.

Lach
Nux vomica: emorroidi correlate ad alimentazione scoordinata e eccessiva, determinate da transitoria stitichezza.

Vanno considerati anche i rimedi indicati alle voci Varici e Ragadi.

Fitoterapia e drenaggi
Va preso Aesculus hyppocastanus 1D (50 gocce tre volte al giorno) per tutta la durata del fenomeno.

Uno dei migliori rimedi vegetali possibili, è rappresentato dal “carbonizzato di code di aglio”. Si prepara mettendo in forno a 200 gradi un buon quantitativo di code di aglio e facendolo seccare; quando le code sono belle marroncine, non nere, si sbriciola il tutto, e se ne prendono, dentro ad un cialdino o un'ostia, da due a quattro cucchiaini al giorno per otto giorni. Se ne può preparare un buon quantitativo, da tenere poi di scorta in un vasetto.

Note di dietologia
Anche se il discorso alimentare va affrontato in modo più ampio dal medico, in fase acuta si eliminino comunque caffè, vino, alcolici, pepe, spezie e tè.

Medicina popolare
Un cataplasma locale di argilla da fare alla sera, e dei bagni locali di infuso forte di Camomilla. Si consideri che un cronico lieve sanguinamento può essere causa di Anemia, e che in relazione al problema va considerata anche la voceDigestione.

Fonte.www.eurosalus.com

Condividi questo articolo

Cerca nel sito

Contenuto Intrattenimento e Consigli

30/1745 articoli in Intrattenimento e Consigli

Feed RSS