Energia verde "La Menta"

Tonificante, rinfrescante, rivitalizzante. Come sfruttare i poteri della menta Tutte le varietà di menta si assomigliano per proprietà rinfrescanti e rivitalizzanti, aromatizzanti, dissetanti e digestive. Contengono olii essenziali con proprietà toniche, eccitanti, antispastiche, antisettiche e calmanti. Nell'antica Grecia, prima dei giochi olimpici, gli atleti facevano bagni energetici nell'acqua arricchita da fogliedi menta.

Infuso afrodisiaco

In tutto il mondo antico, la menta era ritenuta capace di risvegliare gli ardori sopiti degli amanti. Volete provare di persona? Ecco come preparare un infuso “ad hoc”.

Fate bollire un litro d'acqua, aggiungete poi 25 grammi di foglie di sommità fiori- tè fresche o secche di menta piperita. Lasciatele in infusione per 10 minuti. Quindi filtrate e bevetene una tazza la sera prima di andare a dormire.

Sciroppo ricostituente

Versate in un contenitore 100 granimi di alcol a 70 gradi. Aggiungete 20 g di foglie di menta e fate macerare per 24 ore. Aggiungete 10 g di acqua e 20 g di zucchero. Mescolate bene e infine filtrate il liquido, che deve risultare limpido e di un bel colore verde chiaro. Potete berlo a bicchierini una volta al giorno o mescolarlo con acqua, ottenendo una bibita rinfrescante.

Bagno “strong”

Mettete nell'acqua molto calda del bagno un sacchetto di garza contenente foglie di menta (meglio se fresche). Quando l'acqua sarà meno calda, avrà assorbito le proprietà medicinali rigeneranti della menta. E' il momento di entrare nella vasca per godersi un bagno salutare. Se soffrite di fastìdiosi pruriti, vi aiuterà a lenirli. D mentolo da una sensazione rinfrescante sulla pelle e ha un effetto benefico sulla circolazione sanguigna.

Dolce digestivo

Fate macerare, per cinque-sei giorni, 25 grammi di foglie secche di menta in 300 grammi di alcol a 60 gradi. Filtrate, spremendo bene le foglie. Aggiungete 250 grammi di zucchero, agitate e lasciate riposare per 10 giorni in una bottiglia ben chiusa. Un bicchierino dopo i pasti è digestivo e tonico.

di Laura Gonzaga

Tratto da: Gioia Salute

 

 

Condividi questo articolo