Guida all'acquisto della lavatrice

Nella scelta della lavatrice, indispensabili è valutare bene lo spazio dove inserirla. In base alle dimensioni, sono tre le tipologie di lavatrici che si possono trovare entrando dal rivenditore: la prima è quella delle lavatrici con carica frontale e con profondità classica (ovvero di circa 60cm); poi ci sono quelle con carica dall'alto (utili quando c'è poco spazio o in situazioni particolari); infine ci sono le cosiddette slim con carica frontale (utili soprattutto per chi non vuole rinunciare alla carica frontale ma non ha ha disposizione i canonici 60 centimetri di profondità.

 Attenzione, però, in quest'ultimo caso gli indumenti rimangono più pressati e c'e' meno azione meccanica; il risultato è che le prestazioni di lavaggio sono in genere inferiori, così come i carichi (anche se paradossalmente qualche produttore garantisce la stessa capacità).

800 giri: sufficienti per il bucato quotidiano

Un'altra cosa che in genere si guarda prima di acquistare una lavatrice è il numero di giri della centrifuga. In commercio ce ne sono da 600 (ma si tratta di modelli di marchi minori), 800, 1.000 e 1.200 giri; per quanto poco diffusi, si possono trovare anche modelli da 1.400 e 1. 600 giri, anche se quelli più pubblicizzati restano i modelli a 1.000 e 1.200 giri (che sono anche tra i più costosi) . In realtà, però, la velocità della centrifuga incide su un solo aspetto: la quantità di acqua estratta dal bucato alla fine del lavaggio. Dal punto di vista dell'efficacia del lavaggio e del risciacquo i modelli a 800 giri tengono testa agli apparecchi dotati di una centrifuga più veloce numero di giri: non e' essenziale ma più e' altro più la roba uscirà asciutta (per averla completamente asciutta vi servirà comunque lo stendino o l'asciugatrice).

In genere, ma non e' una regola, I modelli con un numero di giri più alto sono, oltre ad essere più costosi, quelli per cui le case investono di più e quindi tecnologicamente più avanzati. Ormai, però, la lavatrice standard sta diventando quella a 1.000 giri.

Sicurezza, risparmio energetico, risciacquo e temperatura

Ecco altre cose da guardare con attenzione quando si sceglie un modello di lavatrice.

  • Sistemi di sicurezza: le lavatrici sono provviste generalmente di misure di sicurezza anti- trabocco e anti-perdite d'acqua; si tratta in pratica di sistemi di scarico automatico e di blocco dell'acqua in caso di malfunzionamento. Inoltre, il sistema anti-schiuma previene i guasti della lavatrice, impedendo l'accumulo di schiuma.
  • Classi per il risparmio energetico: ormai purtroppo l'indicazione dell'etichetta energetica serve a ben poco perché, essendo oramai obsoleta la scala, quelle in commercio risultano essere tutte di classe A; è impossibile quindi distinguere un modello abbondantemente in classe A da uno che lo è solo per poco. Alcuni produttori, infatti, segnano con un + quelli che tendono a superare la classe A: un'ulteriore classificazione che però al momento resta non ufficiale.
  • Risciacquo: è il punto debole delle lavatrici in commercio, soprattutto per l'eccessivo utilizzo di acqua. Mettere meno detersivo potrebbe aiutare a migliorare il risciacquo, anche perché l'effetto meccanico più importante del lavaggio ( ovvero le fibre che strisciano su loro stesse) avviene anche senza detersivo.
  • Temperatura: lavate a 60°C solo in casi rari (ovvero se davvero vi serve igienizzare i capi); 40 o 30 gradi sono più che sufficienti per la maggior parte dello sporco.

Test sulle lavatrici a 1.200 giri

Le lavatrici a 1.200 giri strizzano meglio il bucato, che poi si asciuga più in fretta. Ma sarà più difficile da stirare. Il nostro test ha dimostrato che una centrifuga veloce non è di per sé garanzia di maggior qualità.

Centrifuga veloce
Una centrifuga più veloce chiaramente aiuta ad asciugare più in fretta il bucato, che esce dalla macchina meno umido. Ma in molte parti d'Italia, in linea di massima, il clima consente di fare asciugare i capi abbastanza in fretta comunque. E l'alta velocità rischia di essere controproducente per la durata dei nostri abiti, poiché aumenta il fattore “accartocciamento” dei capi, rendendone in seguito più complicata e lunga la stiratura. Prima di puntare su una lavatrice di questo tipo, dunque, chiedetevi se davvero la velocità con cui già si asciuga il vostro bucato non è sufficiente.

Test su 10 lavatrici a 1.200 giri
Abbiamo sottoposto alle nostre prove di laboratorio dieci modelli di lavatrici da 1.200 giri. Non tutti sono stati promossi. I punti deboli messi in luce dal nostro test sono risultati la rumorosità e l'efficacia nel risciacquo: fattore importante, quest'ultimo, per chi soffre di ipersensibilità al detersivo ed è infastidito da eventuali residui sui capi (in questi casi si può provare a diminuire le dosi del sapone).

I punti deboli delle lavatrici

  • Troppo rumore. Per quanto riguarda il rumore, il nostro test ha bocciato quattro modelli di lavatrice, ma in realtà anche i rimanenti sei, malgrado i prezzi mediamente più elevati, non vanno oltre un giudizio accettabile.
  • Scarso risciacquo. Giudizi negativi, anche qui in quattro casi, anche per l'efficacia del programma di risciacquo.
  • Pulizia dei capi mediocre. Bocciate, infine, due lavatrici per quel che concerne la pulizia dei capi, decisamente mediocre. Sono modelli abbastanza economici, ma in questo caso risparmiare non premia: tanto più che ci sono modelli di prezzo simile o minore nei posti alti della tabella.

Prezzi tra 320 e 1.400 euro: come scegliere?

Il Miglior del Test è un modello decisamente caro: costa tra 1. 080 a 1.400 euro, con una grande variabilità a seconda del punto vendita in cui lo si acquista (un caso in cui vale decisamente la pena di provare in più di un negozio prima di comprare).

Ma è notevole sottolineare che il modello immediatamente dopo nella classifica, pienamente promosso per la buona qualità, costa soltanto tra 600 e 850 euro. Insomma, si può spendere anche meno della metà e ottenere un prodotto comunque molto soddisfacente.

E persino tra i prodotti più economici abbiamo scovato un modello che fa il suo dovere: in vendita tra i 320 e i 480 euro.

MARCHE TESTATE

Aeg Electrolux

Bosch

Candy

Hoover

Hotpoint Ariston

Indesit

Miele

Samsung

Smeg

Whirlpool

www.altroconsumo.it

Condividi questo articolo