i consigli dell'AsUC

Il casalingo consiglia

Evitiamo che la pasta si incolli durante la cottura! semplicemente Possiamo aggiungerci un po' d'olio, E se vogliamo dare un tocco raffinato, l'olio che useremo sarà aromatizzato al rosmarino, o al basilico…

Squamare il pesce… che rottura! L'operazione risulterà più veloce se prima lo inumidiremo con l'aceto.

Uffa! Il tagliere di legno ha “preso” l'odore della cipolla! Strofiniamolo con acqua e sale, oppure con succo di limone o con pomodoro crudo. Sniff… l'odore non c'è più!

Non buttate il vino avanzato! Facciamolo congelare in quegli appositi sacchettini di nylon che servono per fare i cubetti di ghiaccio: ci serviranno per aggiungerli agli spezzatini, alle salse o alle scaloppine.

Ecco…! Abbiamo dimenticato la pentola d'acciaio sul fuoco, ed ora è praticamente carbonizzata. Visto che dobbiamo buttare il contenuto, almeno salviamo la pentola…

Riempiamola con un litro circa di acqua e aggiungiamoci un cucchiaino abbondante di soda (sodio carbonato). Facciamo bollire per circa mezz'ora, lasciamo raffreddate e puliamo con una spugnetta.

Un consiglio furbo per togliere l'odore del pesce dalle mani: è sicuro e sperimentato (e io vivamente lo consiglio): bagnarsi le mani sotto l'acqua corrente, quindi usare i fondi di caffè come se fossero una saponetta, spargendoli ben bene sulle mani. Sciacquarsi abbondantemente e rilavarsi le mani con il sapone. Ecco fatto!

Evitiamo gli schizzi di unto quando friggiamo il pesce! Mettiamo nell'olio bollente una crosta di pane.

Prima di cucinare l'arrosto, lasciate la carne a mollo nel latte per 8 ore in frigorifero.

Condividi questo articolo