Il frigorifero

Scopriamo quali sono gli accorgimenti per organizzare in maniera pulita e corretta il nostro refrigeratore! Cosa c'è di meglio che utilizzare una sostanza che entra nell'impasto di dolci e prodotti da forno per pulire e deodorare elettrodomestici delicati come frigorifero e freezer?



Grazie alla sua basicità, il bicarbonato può essere utilizzato per pulire frigorifero e freezer:

in soluzione (4 cucchiai di bicarbonato in un litro di acqua) per la pulizia periodica delle superfici interne; in questo modo svolgerà anche un'azione preventiva della formazione di cattivi odori.

oppure sotto forma di impasto se necessiti di una maggiore azione pulente, ad esempio per rimuovere residui di cibo o addirittura tracce di muffa; in questo modo la maggiore parte delle macchie si dissolveranno.

Molti degli odori sgradevoli presenti nel nostro frigorifero nascono sia da sostanze acide (es. latte) che basiche (es. pesce); il bicarbonato si lega con queste molecole presenti nell'aria e le neutralizza.

Riponi una scatola di bicarbonato di sodio aperta (ideale la confezione da 250 gr., rimuovendone la parte frontale, cosicché la superficie più ampia possibile di prodotto venga a contatto con l'aria) direttamente nel frigorifero e nel freezer, per salvaguardarli dagli odori indesiderati e persistenti. E' consigliabile sostituire la scatola almeno ogni tre mesi. La ricomparsa degli odori può dipendere da un superlavoro del prodotto, che ha esaurito le sue proprietà. In tal caso la scatola dovrà essere sostituita con maggiore frequenza. Anche il cassetto della frutta e verdura può essere coperto con un panno carta cosparso da uno strato di bicarbonato di sodio.

Amico frigo

Lo apri e lo chiudi chissà quante volte al giorno, ma lo utilizzi nel migliore dei modi? In fondo è l'elettrodomestico a cui non potresti mai rinunciare. Per evitare cattiviodori e farlo vivere più a lungo è bene seguire alcune regole e sistemare i cibi negli scompartimenti giusti:

frutta e verdura: nei cassetti, lavate, asciugate e avvolte in un panno.

carne e pesce: nella zona più fredda (sopra i cassetti) preferibilmente avvolti nell'alluminio.

formaggi e salumi: nello scomparto di mezzo in contenitori ermetici separati.

conserve, dolci, cibi cotti: nella parte superiore in contenitori ermetici, oppure su un piatto coperto dalla pellicola per alimenti.

uova, burro, latte, yogurt e bevande: nella controporta dove troverai gli appositi scomparti


Per evitare gli sprechi d'energia basta poco:

regolare il termostato a una temperatura media può far risparmiare fino al 15%.

controllare le guarnizioni di gomma. Se sono danneggiate o scollate perdono la loro capacità isolante ed è bene sostituirle.

eliminare la polvere sul condensatore e sulla serpentina sul retro migliora il potere raffreddante.

Fonte:bicarbonato.it

Condividi questo articolo