Il salotto si sposta all'aperto

Giardino, terrazzo o balcone in primavera ed estate diventano quasi un prolungamento esterno della casa, uno spazio da vivere e dunque anche da arredare.

 Tanti gli arredi che consentono di creare un soggiorno all'aperto, tante le possibilita' di fondere spazio verde – anche sul balcone – e mobili. Due gli aspetti da tenere sempre in considerazione: lo spazio a disposizione – chiaramente un giardino consente soluzioni differenti rispetto ad un balcone – e il materiale dei mobili da esterno che devono resistere agli agenti atmosferici cui sono esposti, il sole come la pioggia.
In un giardino o in un terrazzo abbastanza ampio si possono utilizzare i gazebo, facendo attenzione alla copertura, che deve essere ignifuga, impermeabile, resistente a strappi ed allungamenti, e avendo cura di verificare anche che il prodotto si adatti al terreno su cui andra' posizionato e che tipo di ancoraggio e& apos; previsto. Un gazebo in ferro battuto, arricchito con tendaggi leggeri e trasparenti, sapientemente illuminato con luci soffuse, come quelle delle candele, puo' trasformare le serate estive in romantiche notti da mille e una notte. Sempre restando in tema di “ombra”, giardini e terrazzi si prestano anche a pergolati, strutture su cui far correre piante rampicanti – immaginatevi un colorato tetto di bouganville! – o da ricoprire con della tela acrilica che fa molto stile coloniale. Per non rovinare le coperture di gazebo e pergolati occorre evitare che vi ristagni dell'acqua e non vanno pulite con detergenti chimici troppo aggressivi.
I mobili da esterno sono prodotti in materiali e fogge differenti. La plastica, resistente e “agile” in quanto richiede poca manutenzione, regala grandi soddisfazioni soprattutto dal punto di vista del colore e della praticita'. Il legno, elegante e raffinato, cosi' come rustico e piu' “country”, e' un materiale vivo che reagisce ai cambi di temperatura e all'umidita', ma che non perde in fascino anche se segnato da qualche crepa. In ogni caso periodicamente andrebbe trattato con prodotti appositi in modo da “rigenerarlo”. Viene spesso utilizzato il legno di pino che, subito un processo di impregnazione, risulta molto resistente. Bello e… costoso e' invece il teak, un legno capace di difendersi naturalmente dagli attacchi degli agenti atmosferici grazie all'olio-resina di cui e' impregnato. Il ferro battuto, opportunamente trattato con tecniche di antiossidazione e poi verniciato a forno con polveri termoindurenti, si presta molto bene ad arredare lo spazio aperto, creando atmosfere romantiche, a volte un po' retro'. Anch& apos;esso pero' richiede periodiche “manutenzioni” con i prodotti adatti. Praticamente indistruttibile e leggero, anche l'alluminio si presta bene per “vivere” all'esterno e con esso si producono soprattutto arredi dal design giovane e moderno. Esteticamente molto gradevole e versatile e' il rattan, canna naturale flessibile e resisitente che, viene piegata e lavorata intera o ppure viene suddiviso in strisce, il noto midollino, quindi intrecciato e lavorato. I mobili in rattan sono tanto belli esteticamente quanto piu' delicati, infatti temono l'umidita' e vanno messi al coperto in caso di mal tempo e la notte – per evitare l'umidita' delle ore notturne.
Il verde, in giardino o sul balcone, e' un elemento fondamentale dell'”arredamento” esterno e non va trascurato. Il risultato d'insieme delle piante scelte deve essere armonioso, per forme, colori e disposizione. Da non sottovalutare neanche l'estetica delle fioriere e i sottovasi. Perche' non utilizzare anche recipienti “impropri” come recipienti in latta – che potrete anche sbizzarrirvi a colorare e decorare – o mastelli in legno? Infine: pannelli ricoperti di rampicanti o altre piante! Delimitano, proteggono dagli sguardi dei curiosi, regalano angoli di verde anche in spazi ristretti.
Fonte: Casa dolce casa

Condividi questo articolo