La cucina puo' essere sostenibile?

La cucina da sempre “centro delle attività domestiche” oggi è riconosciuta essere la principale fonte di inquinamento della casa per il consumo di acqua ed energia, la produzione di rifiuti e l'uso di detersivi. Ma cucinare in modo sostenibile è possibile? Intervenendo sui piccoli gesti quotidiani e seguendo alcune linee guida si riduce il nostro impatto sull'ambiente ed è più salutare perché ci offre la possibilità di mangiare in modo più sano e gustoso.

Ecco alcuni semplici e preziosi consigli.

1) Ridurre i rifiuti e gli sprechi alimentari:

Prima di tutto occorre fare la spesa in modo intelligente e mirato:

- usare sacchetti biodegradabili (mais o carta) o apposite borse shopping bag riutilizzabili (ormai finalmente davvero obbligatorio qui in Italia)

- acquistare alimenti biologici (per produrli sono sati usati metodi naturali che rispettano la natura), a Km zero, a filiera corta, non lavorati, senza imballaggi e possibilmente di stagione (per fare tutto questo in un colpo solo: iscriversi ai GAS)

- comprare ricariche per i dispenser o detersivi alla spina

- ricordarsi che comprare cibi pronti è più costoso e l'impatto ambientale dei loro processi produttivi non è trascurabile; sono prodotti confezionati e quindi imballati, i loro processi produttivi non sono noti e nemmeno gli ingredienti utilizzati per realizzarli.

- usare la fantasia e cercare di utilizzare anche gli avanzi del giorno prima

- non acquistare acqua minerale in bottiglia, produrla da soli con le caraffe filtranti

inoltre è importantissimo fare correttamente la raccolta differenziata: è divertente provare a produrre compost con la frazione umida dei rifiuti, per chi ama il giardinaggio sarà molto utile utilizzare il terreno fertile che ne nascerà.

& lt;P>2) Ridurre le emissioni

Ai fornelli:

per ridurre i tempi di cottura si può:

- utilizzare la pentola a pressione,

- utilizzare i coperchi sulle pentole

- utilizzare acqua fredda da portare ad ebollizione sui fornelli anziché farla uscire già calda dai rubinetti permette di risparmiare acqua ed energia

Elettrodomestici e lampadine:

- cercare di ridurre l'uso del forno a microonde ed evitare le piastre a induzione (consumano moltissimo)

- utilizzare elettrodomenstici in classe A

- dotarsi di fornetti di piccole dimensioni che consumano la metà…

- usare lavatrice e lavastoviglie a pieno carico

- posizionare il frigorifero lontano da finestre e fonti di calore e mai alla luce diretta del sole

- sperimentare la cucina con lavastoviglie

- illuminare la stanza ed il piano di lavoro utilizzando lampade a basso consumo o neon

- provare a sostituire i prodotti animali con ingredienti vegetali (l'allevamento industriale crea deforestazione, emissioni di CO2, metano e inquinamento ambientale)

Autoprodurre

Permette di ridurre i costi alimentari e al tempo stesso avere maggiori sicurezze per la nostra salute. Oggi come un tempo, sempre più persone sperimentano l'autoproduzione di pane, yogurt, pasta biscotti, marmellate e conserve di pomodori o verdure sott'olio.

Ma anche di prodotti cosmetici e detersivi.

Nel caso del pane si osserva che producendo in casa un chilo di pane utilizzando farina biologica non si spende più di 1,50€/kg (compresa l'energia utilizzata per la cottura) paragonando tale dato al costo dei panettieri (circa 3,50-4€/kg) il risparmio annuale è notevole.

Alcune ricette molto valide:

Detersivi per vetri e superfici:

1/3 di acqua distillata, 1/3 di alcool, 1/3 di ammoniaca

Detersivi per acciaio e ceramica:

aceto bianco diluito con 2 parti d'acqua

Anticalcare:

Miscela di 3 cucchiai di acido citrico e 3 cucchiai di bicarbonato sciolti in un litro d'acqua

Ortaggi aromi e insalate:

possiamo anche coltivare un piccolo orto sul balcone se esposto a sud si possono coltivare pomodori e basilico, inslata, erbe aromatiche, fragole.

Scritto da Vinia Bosio

Fonte: www.greenme.it& lt;/P>

Condividi questo articolo