LA LUNA COME «AIUTANTE» NELLE FACCENDE DOMESTICHE E NELLA VITA DI OGNI GIORNO

Non c'è da meravigliarsi che proprio nelle faccende domestiche e nella vita di città i ritmi della luna siano stati dimenticati. Il vento che da quarantacinque anni ormai spira dal «paese delle possibilità infinite» porta con sé un messaggio: libertà e realizzazione personale contano molto di più che non l'impegno verso se stessi, il prossimo e la natura. Sempre più la persona civilizzata dell'occidente si convince che la corrente provenga dalla presa elettrica, che un prodotto molto forte per la pulizia una volta giunto nello scarico si dissolva nell'aria, che la vita venga dal televisore.

 

 

 

 

II morbido vince il duro,

il debole trionfa sul forte.

La flessibilità è superiore all'immobilità.

Questo è il principio del dominio delle cose,

con il quale si entra in unisono,

il principio della maestria attraverso l'armonia.

(LaoTse)

& nbsp;E, soprattutto, che detiene il diritto ad un'azione rapida, sia nella pulizia, nella cura o in altri campi. Con l'andare del tempo da questo «diritto» conseguono molti obblighi: le famiglie con due persone che guadagnano sono costrette a svolgere le faccende di casa rapidamente, usando apparecchi e preparati che agiscono in fretta. Grazie alla pubblicità ed alla psicologia, poi, i lavori domestici sono considerati noiosi e ogni promessa di alleggerimento è stata accettata con sollievo, senza considerare gli effetti: vertiginoso aumento del consumo di energia elettrica (da attribuire in alta percentuale agli usi domestici e non all'industria) e inquinamento dell'ambiente. Si potrebbe fare una proporzione matematica: tanto più un prodotto è caro ed ha effetti rapidi, tanto più è tossico per l'uomo e l'ambiente. Non sono più stati presi in considerazione l'orgoglio e la soddisfazione che possono offrire i lavori domestici svolti in armonia con i ritmi della natura. Per fortuna ora sta risalendo la coscienza che così non si puòandare avanti. Gli effetti delle vedute a corto raggio hanno sprigionato la buona volontà in molte persone di guardare più attentamente la società dell' usa e getta e di portare un personale contributo per il ritomo a preparati ea procedure più rispettose della natura. Molte di queste persone stanno cominciando a rassegnarsi, in quanto sirendono conto che in molte faccende domestiche si ha successo solo usando prodotti aggressivi e tossici. Per simili persone orientarsi con i ritmi della luna può essere una rivelazione.

I lavori domestici svolti in armonia con i ritmi della luna risultano più leggeri e piacevoli, evitano molti inutili stress. Molti suggerimenti per le faccende domestiche quotidiane sono già contenuti nei capitoli precedenti (l'alimentazione sana, il modo di cucinare, l'arte relativa alle erbe medicinali, l'arredamento degli interni, ecc.); ugualmente, però, rimane qualcosa da aggiungere e qualcosa da ripetere. Proprio nei lavori domestici è facile osservare e verificare, spesso anche con rapidità, la validità delle regole.

Quasi tutti i lavori di casa – che spesso hanno a che fare con la pulizia, con il togliere, con lo sciacquare – possono essere svolti con successo e senza fatica in luna calante.

< P align=justify>Naturalmente è impossibile procrastinare tutti i lavori di casa fino alla luna calante, girando i pollici in luna crescente! Ma si potrebbe almeno tentare di spostare una parte dei lavori nella fase di luna calante: ci si meraviglierà degli effetti ottenuti con un piccolo spostamento. Lasciamo che parli l'esperienza: ci sono momenti in cui ogni tipo di lavoro in casa risulta leggero, altri in cui sembra non terminare mai. Si può constatare che è più facile pulire certe cose (mobili, pavimenti, biancheria, finestre, ecc.) che non in altri giorni, senza saperne spiegare il motivo. Talvolta tutto prosegue nel migliore dei modi, talvolta il diavolo ci mette lo zampino. Vale soprattutto per il bucato, purché non si usino prodotti troppo forti o non si consumino spropositatamente prodotti chimici e non si sperperino quantità sproporzionate di detersivi; non si potrebbe giungere alle osservazioni che seguono. L'effetto dei ritmi lunari è così sottile da non renderli «responsabili» in modo evidente. Le forze, però, esistono e, a lunga scadenza, possono essere di grande utilità. Una volta provato, tale ritmo porta gioia e slancio in questo lavoro dispendioso. In certi giorni tutto va avanti come per forza propria.

In luna calante, per esempio, le macchie difficili si dissolvono molto più rapidamente che non in luna crescente, purché si rinunci fin dall'inizio alle dosi troppo alte consigliate dai produttori di detersivi ed ai prodotti troppo forti. La pulizia risulta coronata ancora di più dal successo se la si fa in un giorno dell'acqua (Pesci, Cancro, Scorpione). Inoltre, si rispetta l'ambiente in quanto in luna calante l'acqua di scarico viene decomposta più facilmente.Personalmente uso solo un quarto delle dosi consigliate quando mi occupo del bucato in luna calante. Non ho problemi neanche con il calcare nella lavatrice. Se scopro qualche resto calcareo nel filtro, metto un po' di aceto nell'acqua. Penso così di dare ogni giorno il mio contributo personale alla salvaguardia dell'ambiente.Si può fare l'esperimento che segue: in luna calante mettere della biancheria molto sporca in un catino con del detersivo o del sapone e poi ripetere la stessa operazione in luna crescente. Il risultato è stupefacente: in luna crescente la biancheria rimane bella sporca, in luna calante lo sporco di dissolve e già guardando l'acqua si vede dove è andato a finire. Forse è anche capitato che in certi giorni tutto abbia un buon prorumo fresco ed arioso, nonostante la solita quantità di detersivo ed il consueto programma di lavaggio. Dipende dal momento in cui si svolge se un lavoro risulta bene o no, se le cose che ci circodano e la biancheria risultano

soddisfacentemente puliti. Regola d'oro: in luna calante tutto è più facile.

Fa seguito un elenco di consigli speciali per i lavori in casa e ella vita quotidiana. Se viene indicato anche un particolare segno zodiacale, non vuoi dire che vale la pena svolgere quel lavoro solo in quei determinati giorni, bensì che risulta particolarmente bene.PULIRE, LAVARE E SMACCHIARE.

GIORNO DI BUCATO

Specie in famiglie numerose non è possibile lasciare il bucato solo ai giorni di luna calante; è possibile però tentare di spostare altri cambiamenti nell'andamento del piano di lavoro.

Il momento giusto. In luna calante la biancheria diventa più pulita, in particolare nei giorni dell'acqua (preferibilmente i giorni del Pesce, ma anche in quelli dello Scorpione e del Cancro).

La luna crescente fa sviluppare molta schiuma e le macchie rimangono nella biancheria. Con questo ritmo – lavando la maggior parte della biancheria in luna calante – si risparmia molto detersivo, si mantengono e si conservano i tessuti e le macchie si dissolvono più facilmente. Un consiglio per le macchie di grasso (in particolare quelle di grasso per carri ed olio per le biciclette): strofinare con un po' di strutto in un giorno dell'acqua in luna calante, poi lavare normalmente. Le persone attente alla natura hanno già sperimentato che certe macchie non si allontanano con i metodi naturali; proprio queste persone che combattono per un ambiente migliore saranno contente di scoprire il successo osservando le fasi lunari.

PULITURA A SECCO

I capi d'abbigliamento particela rmente preziosi e difficili – pelli d'agnello, pelle, piumini, seta, ecc. – dovrebbero essere portati in lavanderia solo in luna calante. Il tessuto così non viene danneggiato, il capo si conserva meglio ed i colori non perdono. Se possibile, per la pulitura a secco, bisognerebbe evitare il segno del Capricorno: porterebbe il tanto temuto «lucido» sui capi di abbigliamento. Specie i vestiti di stagione andrebbero lavati o puliti solo in luna calante, prima di essere riposti per sei mesi o più nell'armadio.

PAVIMENTI IN LEGNO, PARKETTI pavimenti in legno andrebbero puliti strofinandoli a fondo solo in luna calante. In luna crescente andrebbero solamente scopati o, in un giorno dell'aria, passati con un panno umido. Pulendo con acqua in luna crescente ed in un giorno dell'acqua, l'umidità potrebbe penetrare nelle fessure, il legno incurvarsi o marcire addirittura con l'andare del tempo.

FINESTRE E VETRO

Pulendo le finestre, nonostante l'impiego di alcool, rimangono spesso delle strisce. Facendo attenzione alla luna calante in un giorno dell'arni o del calore, basterà solo dell'acqua con uno spruzzo di alcool per avere «veduta Ubera». Risultano dunque superflui tutti i preparati forti e ad alta concentrazione. Questo suggerimento sarà apprezzato da chi abbia provato a pulire lo schermo di un computer o del televisore. Per pulire il telaio di finestre particolarmente sporche si otterranno degli ottimi risultati in un giorno dell'acqua. Aspettare conviene.

PORCELLANA

Per i cinesi, gli “inventori» del tè, era ed è ovvio non allontare la patina scura che rimane nelle teiere (usano comunque quasi solo teiere di ferro scuro). Dicono addirittura che l'aruma del tè abita in quella patina e che ad ogni tazza successiva ne dà un po' e che l'intruglio fa il tè. Gli intenditori di tè non penserebbero nemmeno di lavare le teiere. Sia come sia, alle nostre latitudini non sarebbe fine presentare delle tazzine di porcellana con questa patina. Quella patina impossibile – ma anche macchie di rossetto, di caffè e simili – può far arrabbiare anche perché, cercando di allontanarla si provocano dei graffi sul prezioso materiale o i colori vengono «ripuliti via». Ci si può liberare da questo inconveniente scegliendo il giusto momento.

Il momento giusto. In luna calante prendere uno straccio in mano cospargendolo di sale e poi pulire le superfici sporche.

In luna calante ogni preparato delicato è di aiuto; in luna crescente, invece, anche i più aggressivi preparati non portano al risultato desiderato e graffiano la superficie.

< b>METALLI

Per i metalli vale quello che si è detto per la porcellana: in certi giorni si deve raschiare con un prodotto la superficie brillante, in altri basta un alito, strofinare appena e già è pulito. Basta farlo in luna calante, usando poco prodotto casereccio non aggressivo.

Ottone: in luna calante mescolare la stessa quantità di farina e sale con un po' di aceto fino a farne una crema e spalmare gli oggetti. Lasciare agire un po', sciacquare ed asciugare.

Argento:in luna calante in un giorno dell'aria, pulire con un po' di ammoniaca diluita e lucidare con un po' di gesso.

Rame: in luna calante mescolare aceto bollente con un po' di sale e pulire. Asciugare bene.

SCARPE

Tutte le calzature pulite in luna calante rimangono pulite più a lungo, la pelle non si deteriora e si mantiene meglio. Naturalmente non è possibile pulire le scarpe solo in luna calante, ma lo sporco più difficile in quella fase si lascia vincere più facilmente. Specie gli stivali per l'inverno, che dopo rimangono riposti negli armadi a lungo, andrebbero puliti e lucidati in luna calante. Impregnare le scarpe nuove in luna calante: rimarranno tali per quasi tutta la loro vita!

MUFFA

Le finestre moderne a chiusura ermetica insieme con le pareti a cattivo isolamento termico hanno uno svantaggio: le superne! delle pareti, specie negli angoli, in caso di alta umidità, possono divenire buon terreno per la muffa. In luna calante la si può combattere molto meglio che in luna crescente ed il lavoro da risultati durevoli. Potrebbe bastare un po' di acqua di aceto passata con una spazzola di radice.

& lt;b>GRANDI  PULIZIE

La primavera da spazio ad un bacillo particolare: tutta la famiglia è stranamente inquieta ed i giorni più lunghi lo portano alla luce. E tempo di pulizie! Magazzini e sale da pranzo, cantine e garage, aspettano di essere rovistati, arieggiati e ripuliti a fondo. La natura ha fatto in modo che i giorni migliori per questo tipo di lavoro capitino proprio in primavera (in ogni modo, come alternativa con lo stesso livello, durante tutto l'anno).

Il momento giusto. Si cerchi un giorno dell'aria in luna calante per rovistare, arieggiare e pulire. Poiché i giorni dell'aria sono seguiti sempre dai giorni dell'acqua, bisognerebbe lasciare proprio ai giorni dell'acqua la rimozione dello sporco più profondo e la pulizia a fondo, facendo seguito ai lavori « ariosi» appena svolti.

L'Acquario, segno d'aria, in primavera è sempre in luna calante. Questi giorni sono ideali anche perché seguiti dai Pesci, segno d'acqua, che favorisce tutti i lavori di pulizia.

DALL'ARIEGGIARE FINO ALLE GITE IN FAMIGLIA

ARIEGGIARE  -  MA BENE

Stanze. Nell'era delle finestre a chiusura ermetica si cambia l'aria troppo poco, specie in inverno. Si può capire se si pensa che l'aria inquinata di fuori può portare più problemi che non < FONT color=#007f00>l'aria viziata di casa. Invece è proprio ilcontrario: si parla di «House Sickness Syndrome», un complesso di malattie causato dalle esalazioni tossiche di materiali da costruzione, di preparati per la protezione del legno e dal cattivo funzionamento dei condizionatori d'aria. Arieggiare spesso è dunque meglio che non arieggiare per niente. Il giusto momento. Arieggiare a lungo nei giorni dell'aria ed in quelli del calore; arieggiare poco ed alla sveltanei giorni della terra ed in quelli dell'acqua.

Letti. Sembra non essere più di moda arieggiare i letti, almeno nelle città dove raramente si vedono lenzuola colorate alle finestre o sui balconi. Per più ragioni: perché non si vuole che la polvere entri dalle sottostanti finestre nelle stanze dei vicini, o perché non si vuole ritirare la biancheria del letto umida. Un veleno per le persone che soffrono di reumatismi. Arieggiare i letti al momento giusto è un'ottima cosa: i letti diventano freschi e profumati, lasciano respirare il corpo. Arieggiare è anche un sistema contro gli acari della polvere, che provocano allergie e che si nutrono di scaglie della pelle. Il momento giusto. I letti andrebbero ben arieggiati in luna calante, in un giorno dell'aria o del fuoco. In luna crescente, invece, dare aria brevemente per evitare che l'umidità rimanga nelle piume. Evitare i raggi di sole troppo forti che danneggiano le piume. Nei mesi che non hanno la «R» nel nome, si può arieggiare più a lungo. Per «arieggiare i letti» non si intende in questo caso il quotidiano arieggiare i letti prima di rifarli, bensì lo stendere coperte e lenzuola sui balconi o sui davanzali.

 

Materassi. In Germania, mediamente, i materassi vengono usati troppo: dieci o più anni. Vanno, dunque, almeno puliti e soprattutto arieggiati in modo regolare. Arieggiandoli si scacciano gli acari che abbisognano di un clima caldo umido.

Il momento giusto. I materassi vanno puliti e arieggiati preferibilmente in un giorno dell'aria o del calore. Protegge dai parassiti e toglie l'umidità (importante per persone che soffrono di reumatismi e allergia). Mai arieggiare in luna crescente in un giorno dell'acqua! Verrebbe assorbita umidità e sarebbe un veleno per chi soffre di reumatismi. Anche i giorni della terra non sono partìcolarmente indicati.

RIPORRE INDUMENTI ESTIVI E INVERNALI

Le palline tarmicide hanno aiutato fino ad oggi, ma, per chi non volesse avere odori e cartine contro le tarme intrise di elementi tossici, ecco una apprezzata ricetta.

Il momento giusto. Appendere nell'armadio gli indumenti estivi o invernali in primavera o in autunno in luna calante, in un giorno dell'aria (Gemelli, Bilancia, Acquario). Sarà superfluo l'uso di tarmicidi.

Come alternativa può andare bene anche la luna ascendente. Gli indumenti riposti in un giorno della terra possono assumere un odore «persistente». Riponendoli in un giorno dell'acqua, diventano umidi.

CONSERVARE, METTERE NEI VASETTI, IMMAGAZZINARE

Ora è tornato di moda preparare in casa marmellate e mettere nei vasetti verdure e frutta. Le regole più importanti per raccogliere, conservare ed immagazzinare sono già state presentate nel terzo capitolo.Per preparare marmellate e succhi va bene la luna ascendente. La frutta è molto più succosa e l'aroma migliore. Si conserva più a lungo e non sono necessari prodotti gelificanti (vale anche per la cottura e la conservazione di altri generi alimentari). Si può provare preparando qualcosa col metodo usuale e poi facendo lo stesso esperimento al momento giusto, utilizzando però la metà della quantità di zucchero gelificante (o con delle mele).

Il momento favorevole per la conservazione è il tempo della luna ascendente (dal Sagittario ai Gemelli). La cottura, il mettere nei vasetti e l'immagazzinamento dipendono meno dalla fase lunare e più dalle costellazioni che la luna attraversa.

I frutti vanno colti e conservati preferibilmente in Ariete (giorno del frutto), le radia commestibili in Capricorno e Toro (giorni della radice). Per congelare frutta e verdure i giorni del frutto sono da preferire ai giorni dell'acqua. Una volta scongelati i prodotti hanno un buon sapore, non sono acquosi e non si decompongono. Gli scaffali della cantina per immagazzinare la frutta vanno puliti solo in luna calante (in un segno d& apos;aria o di fuoco): si mantengono ben asciutti e non emanano odore di muffa.

DIPINGERE E LACCARE

Molti colori, dispersioni e lacche ad alto contenuto tossico e molto costosi, potrebbero essere sostituiti da delicati colori calcarei e lacche prodotte con metodi naturali: travolgono, nel vero senso della parola, i sottili influssi dei ritmi naturali. Il ritorno alla natura sarebbe più facile in questo contesto, se venissero usati prodotti non tossici al momento giusto. Nella loro azione e durata non sono da meno dei prodotti ad azione rapida, colmi di elementi tossici. Vale anche per i colori murali e per gli interni.

Il momento giusto. Per dipingere e laccare è favorevole il periodo della luna calante: colori e base si asciugano bene e danno una bella superficie. I colori si uniscono bene alla base ed il pennello si muove quasi da solo. La calce lascia respirare la base.

I giorni dell'acqua non sono molto adatti, perché il colore non asciuga bene. Anche i giorni del Leone sono sfavorevoli, perché asciugano troppo ed il colore spesso si scheggia.

RISCALDARE IN AUTUNNO

Ogni autunno porta il giorno in cui si rende necessario riscaldare le quattro pareti di casa: la forza del sole non basta più. Se si vuole ottenere un rapido riscaldamento di tutta la casa, basta rispettare la seguente regola.

In autunno si riscaldi la casa per la prima volta in un giorno del calore (Ariete, Leone, Sagittario), in luna calante.

Questo consiglio è particolarmente importante se si tratta di una nuova costruzione: in questo caso va riscaldata per la prima volta come sopra specificato in quanto viene scacciata l'ultima umidità dalle pareti.

METTERE LE FINESTRE PER L'INVERNO

In costruzioni moderne, ma anche in molte vecchie abitazioni ed in campagna ci sono le doppie finestre che in estate vengono riposte nelle cantine ed in autunno vengono riappese per dare isolamento termico. Il momento in cui vengono riappese è decisivo per il loro successivo trasudare o appannarsi. Chi tiene alla trasparenza faccia attenzione a! seguente consiglio.

Il momento giusto. Le doppie finestre vanno riappese in luna crescente, in un giorno dell'aria (Acquario, Gemelli).

Si evitano così tutti gli effetti indesiderati. Questa regola è interessante anche per i costruttori «biologici» in quanto il termi- ne suggerito è adatto anche per la posa di finestre in costruzioni nuove.

CURA DELLE PIANTE D'APPARTAMENTO

Nel terzo capitolo sono già stati dati parecchi consigli sulla cura delle piante d'appartamento; i più importanti vengono qui riportati.

Il momento giusto. I giorni della Vergine sono particolar- mente adatti per cambiare vaso o per piantare piante da balcone o da appartamento: le piante mettono radici rapidamente.

Bisognerebbe annaffiare, se possibile, solo nei giorni della foglia (Cancro, Scorpione, Pesci) e solo con acqua piovana o acqua decantata. Le piante d'appartamento non vanno messe all'aperto per essere bagnate direttamente dalla pioggia: le foglie, non abituate, potrebbero esserne danneggiate. La concimazione dovrebbe avvenire solo in luna calante, preferibilmente nei giorni della foglia. Raramente nei giorni della radice per piante che hanno le radici poco sviluppate o nei giorni del fiore, se si tratta di piante a fiore che sono avare di colori. Tutte le regole per la lotta ai parassiti (v. terzo capitolo) valgono anche qui. Ricordare di non annaffiare nei giorni della foglia per non stuzzicare i parassiti. Gli estratti vegetali per la lotta ai parassiti vanno versati solo nei pressi delle radici, non sullo stelo, sulle foglie o sui fiori!

QUALITA' DEL GIORNO ED ESCURSIONI

Chi non intraprende con piacere un'escursione nel verde da solo, in coppia o con la famiglia e gli amici? Forse è già capitato di «sentire» in modo diverso i giorni di escursione, nonostante la temperatura esterna fosse la stesa: magari si cercano gli occhiali da sole anche se il cielo è coperto o, a volte, ci si siede volentieri nell'erba, altre, invece, non si osa perché il terreno appare spiacevolmente umido e freddo.

A questo proposito mi è venuto in mente un esempio, qualcosa che da giovane mi è capitato spesso, quando in estate andavo in giro con la mia Prima bicicletta. Con i miei soldini avevo comprato una bottiglietta – per intenderci, una di quelle di plastica che si possono appendere alla bici e dalle quali si può bere. Per ore rimanevo in giro con gli amici e mi meravigliavo nel constatare che – ad identiche temperature – la bottiglietta a volte era vuota già dopo un 'ora, altre era ancora piena a metà la sera, quando rientravo a casa.L'indovinello ha una soluzione nelle quattro «qualità del giorno»: particolari caratteristiche di un giorno, che dipendono dalle costellazioni dominanti.

I giorni del calore dominano quando la luna si trova nella co- stellazione dell'Ariete, del Leone e del Sagittario. Sono giorni adatti alle escursioni, molto belli e vengono avvertiti come tali anche se il cielo è coperto. Sono giorni secchi, specie nel Leone, e si soffre più la sete. I giorni del Leone possono riservare anche il pericolo di improvvisi temporali che, specie dopo un prolungato periodo di siccità, possono avere brutte conseguenze con grandinate e acqua alta (la terra non riesce infatti ad assorbire l'umidità).

I giorni della luce o dell'aria dominano, quando la luna è nei Gemelli, nella Bilancia o nell'Acquario. La terra e le piante assorbono in questi giorni più luce; sull'uomo hanno un effetto piacevole. Gli automobilisti non amano questi giorni: nonostante il cielo coperto, si ha l'impressione di aver bisogno degli occhiali da sole, perché la luce ha un effetto «abbagliante». Per gli sportivi ed i giocatori di tennis questi giorni della luce sono sgradevoli, specie se devono battere contro luce, anche se il sole non splende in modo diretto.

I giorni del freddo o della terra  sono quelli del Toro, della Vergine, del Capricorno. Nonostante il termometro segni alte temperature, va portato con sé sempre qualcosa di caldo da indossare o per coprirsi per il caso che il sole scompaia dietro le nuvole. La terra appare fredda e talvolta basta che il sole si nasconda dietro una piccola nuvola per avere la pelle d'oca. In giornate simili si torna spesso a casa con la bottiglietta ancora quasi piena nel cestino.I giorni dell'acqua – Cancro, Scorpioni, Pesci – non consentono alla terra di asciugarsi del tutto. Aumenta anche la tendenza alle precipitazioni. Uscendo di casa, non dimenticare l'impermeabile o l'ombrello o una coperta, se si ha in mente di fare merenda o un bagno. Un consiglio per chi vuole meglio prepararsi agli eventi meteorologici e ai cambiamenti di clima: fare attenzione ai giorni di luna nuova e di luna piena, ai giorni dei Gemelli e a quelli del Sagittario.

& lt;FONT color=#000000>CONSIGLI PER LA CURA DEL CORPO

La conoscenza dei ritmi lunari può agire positivamente anche nella cura del corpo. Va tenuto presente che le caratteristiche della pelle, dei capelli e delle unghie sono quasi sempre segnale e simbolo dello stato di salute. Senza «bellezza inferiore», soprattutto senza una sana alimentazione, quanto si fa per la cura del corpo è solo un «trucco»: copre le vere cause di una pelle grassa, pallida o impura o le unghie che si spezzano. Possono essere di grande aiuto i suggerimenti del secondo capitolo su una sana maniera di vivere per lavorare dall'interno a una pelle sana e a capelli forti, risparmiando tra l'altro molto denaro: risulta inutile l'acquisto di costosi prodotti di bellezza.

CURA DELLA PELLE

Per cura della pelle non si intende qui la cura quotidiana della pelle (lavarsi, spalmare la crema), ma la cura dei problemi della pelle, con l'uso di speciali impacchi al viso o maschere. Vanno fatti in luna calante, specie se c'è da intervenire contro foruncolettì o simili: in fase calante le cicatrici non si rimarginano quasi mai. I dermatologi potrebbero risolvere molti problemi se dessero gli appuntamenti in questo periodo.

Se, invece, vanno applicate creme idranti o rassodanti, è più adatta la luna crescente.Chi volesse fare attenzione anche alle costellazioni, non dovrebbe perdere i giorni del Capricorno, adarti a qualsiasi trattamento della pelle.

CURA DEI CAPELLI

Risulterebbero superflui tutti i preparati per capelli e contro la forfora, se per la cura dei capelli si facesse attenzione al giusto momento. Un tempo nessuno si meravigliava di trovare il negozio del parrucchiere chiuso in determinati giorni: si sapeva che nessuno avrebbe richiesto i suoi servigi. D'altra parte, se il Leone capitava di domenica, molte persone dopo la messa passavano dal parrucchiere per affidargli la capigliatura.Nel mio Paese, il Tiralo, un tempo c'erano pochi uomini calvi; forse perché fin dal primo taglio, da piccoli, si badava ai giorni del Leone.

II giusto momento. I giorni del Leone e della Vergine sono giorni per il taglio dei capelli.

Evitare di tagliare i capelli nei giorni dei Pesci e del Cancro. Ecco una «cura» per chi non è contento dei propri capelli, perché sono troppo sottili o troppo grassi o cadono.

 

• Tutti i mesi, tra febbraio e agosto, nei giorni del Leone, farsi tagliare i capelli o le punte dei capelli. Il Leone è sempre in luna crescente e questo rafforza l'effetto. La qualità del Leone agisce in modo particolare sugli ormoni maschili. Questo è forse una causa di azione sui capelli dei giorni del Leone: ciò significa che i capelli si rafforzano.

• Una o due volte alla settimana, dopo il lavaggio, massaggiare una o due uova (tuorlo e albume) nei capelli. Lasciare agire un po' e sciacquare con acqua calda.

• E importante che l'ultimo risciacquo venga fatto con acqua fredda. La temperatura è giusta quando l'acqua si sente fredda sulla testa. Questo consiglio andrebbe seguito sempre, anche se si hanno capelli forti e sani.

• Non usare l'asciugacapelli in questo periodo. Se proprio dev'essere, bisogna aspettare almeno un quarto d'ora. Mai, comunque, asciugare i capelli a temperatura troppo alta e controsenso: rovinerebbe a lungo andare qualsiasi tipo di capelli.Tagliare i capelli solo nei giorni del Leone non è un rimedio sicuro contro la caduta dei capelli, che dipende spesso dall'effetto di medicinali, dagli ormoni del corpo, dagli stati d'animo. Dopo una gravidanza o nell'età critica può capitare di perdere capelli, ma la cosa si ristabilisce.

& lt;FONT color=#000000>I capelli tagliati nei giorni della Vergine mantengono bellezza e piega più a lungo. I giorni della Vergine sono particolarmente adatti alla permanente, in quelli del Leone i capelli diventerebbero crespi.

Tagliare i capelli nei giorni dei Pesci porta spesso alla formazione di forfora. Farlo nei giorni del Cancro, porterebbe ad avere capelli ribelli e ispidi. Sarebbe bene rinunciare anche a lavarsi i capelli nei giorni dei Pesci e del Cancro. Molti giovani si lavano i capelli quasi ogni giorno, ma nei giovani ilcorpo sopporta molto meglio. In seguito si può cominciare a prestare attenzione a questo consiglio. Se per un qualche motivo si desidera depilarsi, va scelta la luna calante. Il Capricorno in luna calante (solo nella prima metà dell'anno) non andrebbe sprecato; per lungo tempo, poi, i peli non ricrescono. Non bisognerebbe, comunque, esagerare nel to gliersi le sopracciglia.

Chi si ricorda della regola del 18 giugno? Tutte le malerbe estirpate nella mattinata di quel giorno non ricrescono più. Quello che vale per le malerbe, deve valere anche per i peli del corpo, mi son detta nei mei anni giovanili e mi sono tolta gran parte delk sopracciglia (allora era di moda) il 18 giugno. Purtroppo ha funzionato perfettamente, solo che nel frattempo le sopracciglia sottili sono passate di moda. Non è sempre una buona idea scegliere il miglior giorno dell'anno!cura DELLE UNGHIE

II momento giusto. Il giorno del Capricorno è quello adatto alla cura delle unghie dei piedi e delle mani, per tagliarle e limarle.& lt;/P>

Le unghie tagliate nel giorno del Capricorno diventano forti, resistenti e non si spezzano facilmente. I prodotti per le unghie sono inutili in quanto combattono solo il sintomo e non la causa. Ovvio che non ci si può tagliare le unghie solo due o tré giorni al mese, e non è questo il senso del consiglio; solo, ilgiorno del Capricorno non si dovrebbe perdere.

Un consiglio che forse può far sorridere: per avere unghie forti e sema problemi, le unghie dei piedi e delle mani vanno tagliate sempre di venerdì. Mio nonno, dal quale ho imparato questa scienza, giurava su questa regola ed affermava di non aver mai male ai denti per lo stessomotivo. èvissuto fino ad 89 anni sema aver mai avuto problemi con i denti. Anch'io, insieme con la mia famiglia, seguo questa regola e posso confermare la correlazione.

Le unghie incarnate non dovrebbero essere corrette o tagliatein luna calante, altrimenti ricrescono in modo sbagliato. Con la sola eccezione della correzione del letto dell'unghia: questo intervento va effettuato preferibilmente in luna calante (evitando i giorni dei Pesci). Sempre in luna calante si può trattare con successo il fungo delle unghie e dei piedi, come pure le verruche. I piedi sono una parte del corpo importante e sensibile, trattata male da molte persone. Se il piede è malato, l'intera persona è malata. Ogni parte del corpo si specchia nelle zone di riflesso del piede e, può essere influenzata con il massaggio delle zone di riflesso del piede. La luna calante è adatta se in quelle zone c'è da stimolare, qualcosa di cui liberarsi (tensioni o elementi tossici presenti nel corpo). Se, invece, va rigenerato o rafforzato qualcosa della funzione del corpo, si addice la luna crescente. massaggi Un massaggio fatto bene non fa solo bene, è anche una prevenzione contro malattie di ogni genere. Agisce come antispastico e come stabilizzatore sul cuore e sulla circolazione del sangue, stimola la funzione degli organi e può essere di grande aiuto a persone con problemi di pressione sanguigna. In caso di malattia, i massaggi speciali come per esempio il drenaggio linfatico, possono essere di aiuto nella cura; vanno però effettuati da fisioterapeuti esperti.

Il periodo di luna calante è adatto ai massaggi che servono a rilassare, per togliere i crampi e per disintossicare.

La luna crescente, invece, si addice ai massaggi con enetti rigenerativi e rinforzanti, con l'aiuto di olii adatti. Non possono aspettare il giusto momento i massaggi che fanno seguito ad infiammazioni, ferite, drenaggio linfatico e simili, al contrario: attendere causerebbe più danno che benefìcio. I consigli vanno, dunque, bene per persone sane.

Tratto da: Servirsi della Luna

Edizioni: Tea

Johanna Paungger

Thomas Poppe

& lt;/FONT>

Condividi questo articolo