Le cipolle di Tropea

A importarla furono addirittura i Fenici. Parliamo della Cipolla Rossa di Tropea, dalla caratteristica forma a oliva, dalla sottile buccia rossastra, dalle carnose tuniche concentriche bianche. E' tra le cipolle una delle qualità più ricercate tra gli amanti della buona cucina, per la sua particolare dolcezza che ne fa una vera e propria leccornia.



Una semplice frittata fatta con le cipolle di Tropea ha tutto un altro sapore (ci vorrebbe il cipollotto in realtà), per non parlare delle semplici cipolle gratinate con un ripieno di pangrattato e formaggio pecorino. Una dolcezza dovuta alle alte quantità di zuccheri presenti, glucosio e fruttosio in testa. Una dolcezza che trova le sue radici nei terreni freschi e limosi di Capo Vaticano, dove è concentrata la maggior produzione, e di Tropea e che si sviluppa grazie al microclima della zona, sempre stabile nel mese invernale.

Sono circa 300 gli ettari di terreno dedicato alla coltivazione per una produzione media di 60 mila quintali all'anno. Ne nasce un bulbo che oltre ad essere di ottimo sapore ha anche marcate qualità terapeutiche. Secondo i dietologi contiene molta vitamina C, che svolge un'azione antinfluenzale, ha azioni antiemorragica, tonificante per le vene e le arterie e coadiuva l'azione del cortisone. Contiene anche ferro che aiuta a mantenere il livello del numero dei globuli rossi nel sangue ed esercita anche un'azione benefica sulla diuresi e sulla ipertensione.

A promuovere la Cipolla Rossa di Tropea, che tanto contribuisce allo sviluppo socio economico della zona, l'Accademia Tutela Cipolla Rossa di Tropea che si propone di creare e approfondire una vera e propria cultura di questo bulbo facendone conoscere la storia, le sue qualità e le sue utilizzazioni, arrivando a valorizzarne ogni forma di espressione artistica.


Ricette
Ma andiamo dunque in cucina ricordando prima che le cipolle di Tropea sono ottime crude nelle insalate miste.

Quella che vi proponiamo è la marmellata di cipolle . Davvero squisita. Ottima per accompagnare i formaggi stagionati: pecorino, caprino, straordinario con il gorgonzola piccante o con il roquefort. Da non disdegnare con la cacciagione o con l'arrosto di maiale.

·  1 kg di cipolle

·  600 gr di zucchero

·  un po' di sale

·  qualche foglia di alloro
Unire tutti gli ingredienti in una pentola, fare macerare le cipolle. Cuocere a fuoco lentissimo sino a quanto il composto assume la consistenza di una marmellata. Invasate. Volendo si può aggiungere un po' di aceto durante la cottura e delle uvette, va a gusto.


Ottime le cipolle croccanti:
Per 4 persone

·  1 chilo di cipolle

·  ½ litro di latte

·  100 gr di farina

·  olio d'oliva e sale
Si devono tagliare a rondelle le cipolle. Metterle a bagno nel latte per 2 ore. Si infarinano le cipolle e subito si friggono con l'olio ben caldo sino a quando non diventano dorate.

L'Itinerario
L'estate è alla porte, andiamo dunque la mare, nel mare di Tropea, la capitale delle vacanze della Costa, unica per le spiagge frastagliate. E' il territorio più piccolo della provincia di Vibo Valentia, ma ricco di bellezze naturali e d'arte. Su l'intero abitato di Tropea  spicca la cattedrale normanna, di stile gotico. Nel suo interno il famoso Crocifisso Nero, in legno, e sull'altare, l'icona della Madonna di Romania, dal volto bruno, del VII secolo. La parete dell'ingresso principale ospita due delle sei bombe rimaste inesplose dopo essere state sganciate dagli americani durante la II guerra mondiale. Si dice sia stato per grazie della Madonna. Importante, ma di scarso impatto, la necropoli protovilliana.

< B>A Tropea in luglio e agosto si organizzano la Sagra del pesce azzurro e della cipolla rossa. Proseguiamo per Capo Vaticano, un luogo difficilmente accessibile, bello per il suo essere selvaggio e aspro. Si diceva che qui vivesse un'antica profetessa che dava responsi e auspici. Forse qui passò Ulisse. Sull'acrocoro che domina la baia di Santa Maria i resti di templi e una necropoli. Sul fondale molte le anfore granarie, testimonianza di antichi commerci.


di Grazia Annibale

Fonte: www.Cooker.NET

Condividi questo articolo