L'importanza di essere amati

Con il suo inconfondibile stile a metà strada tra dissertazione filosofica e narrazione romanzesca, Alain de Botton affronta in questo scritto un tema di grande attualita': l'aspettativa di essere amati. Non è l'ansia che affligge l'individuo inserito in una coppia, che pretende di essere ricambiato, bensi' è l'ansia da status sociale, generata da ciò che gli altri pensano di noi, in famiglia, sul lavoro, nella società. è quel bisogno di riconoscimento sociale che nasconde un desiderio di amore collettivo. Quasi sempre – sottolinea de Botton – è l'amore romantico è il tema preferito da artisti e filosofi, mentre l'aspettativa d'amore che ognuno di noi ha dal mondo è un argomento poco trattato.

Contenuto

Qual è la preoccupazione più diffusa tra gli uomini d'oggi? Ottenere il prestigio e il riconoscimento sociale, un bisogno dietro cui si nasconde un desiderio ancor più profondo e insito nella stessa natura umana: essere amati. Questa è la tesi fondamentale del nuovo libro di Alain de Botton, già autore di Le consolazioni della filosofia, L'arte di viaggiare e altri saggi che indagano le aspirazioni, le ansie, le passioni e le difficoltà che albergano nell'animo di ognuno e nell'intera società.
L'aspettativa d'amore e approvazione nei confronti del mondo che ci circonda è un motore fondamentale delle nostre azioni e dei nostri pensieri, tuttavia, a differenza dell'amore inteso come passione ed esaltato da artisti e filosofi, rimane spesso un argomento sottaciuto. Eppure proprio da questa aspettativa ha origine quella che Alain de Botton definisce “ansia da status”, il malessere derivato dalla continua rincorsa di posizioni sociali di prestigio e dal conseguente timore di perdere dignità e rispetto in caso di fallimento, l'inquietudine originata dalla volontà di corrispondere ai giudizi e alle opinioni che familiari, amici e conoscenti hanno su di noi. In un mondo che offre modelli di successo sempre più elevati e in cui l'uguaglianza dei diritti rende ogni traguardo auspicabile e perseguibile da chiunque, il desiderio di raggiungere uno status più elevato si rivela un'arma a doppio taglio: da una parte ha l'utilità di indurre a valorizzare le proprie doti, dall'altra, se viene esasperato, ha un'incredibile capacità di generare frustrazione e sofferenza. L'unico modo per non cadere vittime di quest'ansia è comprenderla. Con lucidità di analisi, acutezza e ironia, Alain de Botton conduce i lettori a riflettere sulle cause del malessere e sul posto che occupiamo nella società, ricorrendo come sempre all'aiuto di grandi saggi di ieri e oggi: filosofi, artisti, scrittori il cui pensiero offre molteplici spunti di approfondimento. Il saggio è articolato in due parti principali: nella prima l'argomento viene analizzato nei suoi molteplici aspetti e manifestazioni; nella seconda vengono invece identificati alcuni antidoti all'ansia da status nel confronto con il pensiero filosofico, l'arte, la politica, la riflessione religiosa, la vita dei bohémien capaci di andare al di là delle convenzioni. L'approccio multidisciplinare, l'acutezza d'analisi, l'affabilità e la piacevolezza dello stile, fanno di questo libro una lettura divertita, brillante e stimolante, rivolta a un vasto pubblico di lettori, desiderosi non solo di approfondire un tema di grande attualità ma anche di migliorare la conoscenza di sé.

Tratto da:www.ibs.it

Condividi questo articolo