L'uso degli specchi

Gli specchi, insieme alle fontane ed alle piante, sono tra gli attivatori più forti da introdurre in un'abitazione. Ecco una semplice guida all'uso, per saperne di più sul ruolo di questi tre elementi nella casa

Gli specchi, insieme alle fontane ed alle piante, sono tra gli attivatori più forti da introdurre in un'abitazione. Ecco una semplice guida all'uso.

Lo specchio, per essere considerato tale, deve misurare almeno 30×30 cm. La forma dello specchio è importante, e va scelta tenendo conto anche di altri fattori contingenti. In linea di massima preferire specchi rotondi o, ancora meglio, ovali o dalle forme sinuose.

Occorre tenere presente che gli specchi raffreddano gli ambienti in cui sono posti, soprattutto se non molto illuminati. In piccole abitazioni meglio non inserire, quindi, specchi troppo grandi.

Innanzi tutto, lo specchio può essere usato per ampliare un ambiente. Un esempio comune di questo uso è visibile nei locali pubblici (es. bar). In questo caso gli specchi devono essere molto grandi, al limite occupare tutta la parete.

Può anche essere usato per rendere inoffensivi spigoli o pilastri fuoriuscenti dai muri. In questo caso si fodera completamente lo spigolo o il pilastro.

Uno specchio può essere usato in luoghi con scarsa illuminazione per favorire la circolazione energetica. Per questo motivo si sconsiglia di porre specchi in camere da letto, in particolare quelle dei bambini. L'effetto di disturbo può acutizzarsi durante la luna piena.

L'uso degli specchi è sconsigliato nella camera matrimoniale, in particolare se riflette il letto. Se si vuole lo stesso uno specchio in camera, è sufficiente coprirlo con una tenda quando non utilizzato oppure posizionarlo in modo che non rifletta il letto.

Uno specchio di fronte alla porta d'ingresso, troppo grosso o troppo vicino ad essa, in genere non è molto favorevole. Come regola generale evitare di posizionare specchi che riflettano l'ingresso. Invece, è possibile posizionare specchi nell'entrata.

Se si è costretti a stare per lunghi periodi con le spalle scoperte od in situazioni scorrette uno specchietto permette di tenere d'occhio l'entrata o le direzioni che ci disturbano. Questa stessa funzione può essere svolta da un altro oggetto, come ad esempio delle campanelle o dei tubi eolici opportunamente posizionati. Come opposto di questa funzione bisogna evitare di posizionare specchi in modo che distraggono mentre si passa, che disturbano o spaventano.

Fonte: redazione.romaone.it

Pubblicato da: fiore< /FONT>

Condividi questo articolo