Pentole antiaderenti

Gli utensili da cucina ci accompagnano nelle nostre attività quotidiane ai fornelli. Per cucinare bene, oltre alla creatività e all'abilità personale, è necessario ricorrere a materie prime di qualità e a strumenti di cottura adatti alle ricette che andremo a preparare.

L'uso in cucina di pentolame antiaderente è sicuro per la nostra salute, perchè evita che il cibo si attacchi al fondo e sviluppi sostanze nocive; è sano per la dieta perchè l'antiaderente non richiede l'aggiunta di oli e grassi; è salutare per l'ambiente perchè per pulire una pentola antiaderente è sufficiente una piccola quantità di acqua e detersivo.

Corretto uso delle pentole antiaderenti
In collaborazione con gli esperti Ballarini, ecco sei pratici consigli per un uso corretto delle pentole con rivestimento antiaderente:
1. Occorre lavare l'antiaderente, prima di utilizzarla la prima volta, con acqua tiepida e detersivo. Dopo averla asciugata è bene passarne il fondo con un filo d& apos;olio. Questa operazione va ripetuta di tanto in tanto.
2. Non vanno usati coltelli, né altri utensili in metallo sul fondo dell'antiaderente. Sì agli utensili in legno, in plastica o on silicone.
3. Per lavare l'antiaderente usare una spugna imbevuta di detersivo liquido. Non utilizzare spugne con superfici abrasive.
4. La pentola antiaderente non va mai scaldata se è vuota e va utilizzata su fonti di calore proporzionate alla superficie del fondo della pentola, che va posta al centro e su fiamma moderata.
5. Pulire l'antiaderente solo quando si è raffreddata in modo da non deformarne il fondo con sbalzi di temperatura.
6. Se la superficie antiaderente è graffiata la pentola va sostituita.

Pentole antiaderenti DuPont™ Teflon®
Traformare gli utensili da cucina in accessori di design che fanno tendenza. Senza dimenticare le prestazioni che l'antiaderente offre nella cottura dei cibi.
La padelle della linea Print Designs per rivestimenti antiaderenti Teflon sono abbellite internamente con decorazioni indelebili che veicolano messaggi in ricordo di un evento, di una passione, della destinazione d'uso. La pentola diventa così un'idea regalo o un oggetto da collezionare.
All'aspetto ludico si affianca la qualità DuPont™ Teflon® , garanzia in cucina Il concept “Print Designs” per rivestimenti antiaderenti DuPont™ Teflon® è disponibile nelle versioni Platinum Plus o Select, facili da pulire e adatti alla lavastoviglie, ma soprattutto resistenti all'abrasione e ai graffi, in modo che i decori rimangano inalterati durante il ciclo di vita della padella.

Pentole antiaderenti e polvere di diamante
Kunzi sceglie un ingrediente prezioso per il rivestimento antiaderente della linea Swiss Diamond. Si tratta di un composto all'avanguardia messo a punto utilizzando la polvere di diamante, per avere a disposizione l'antiaderente più igienico e con le migliori prestazioni del mercato, una vera e propria nano tecnologia in cucina.
I pezzi della gamma Swiss Diamond si adattano perfettamente alla cottura su fiamma, piastra elettrica, forno e vetroceramica. Alcuni sono anche dotati di uno speciale fondo destinato all'induzione. La gamma include casseruole, pentole, padelle e strumenti per cotture specifiche, come il wok, la padella per preparare le crêpes, varie teglie, bistecchiere e sauteuse.

Ballarini sceglie il colore bianco per la collezione di pentole Salento Keravis WhiteStone, che si vuole da alcuni utensili ceramici sul mercato, perchè è veramente antiaderente. Questo significa che i ripetuti lavaggi in lavastoviglie non ne alterano le proprietà del rivestimento, che si presta per una cottura priva di oli e grassi, che garantisce un'elevata termica.

Sapore antico per le novità della linea senza tempo Mammola di Moneta. Le forme ricordano quelle delle ciotole forgiate al tornio a mano in ceramica e favoriscono il contenimento del calore. Un nuovo sui fornelli per una proposta nella versione con rivestimento interno in CERAMICA 01® o in quella rivestita con il nuovo antiaderente rinforzato di colore chiaro WHITECH. La serie di Moneta include: padella, wok, bistecchiera, casseruola con coperchio e lasagnera.

Antiaderente sicuro
Qualche tempo fa la sicurezza del rivestimento antiaderente è stata messa erroneamente in dubbio.
Nel 2006 l'EPA (l'Agenzia per la Protezione Ambientale Statunitense) sollecitò i principali produttori a livello mondiale di fluoropolimeri a ridurre progressivamente le emissioni di PFOA (acido perfluoroottanoico) nell'ambiente, fino a raggiungere un -95 per cento entro il 2010 e l'eliminazione entro il 2015.
Il PFOA è stato erroneamente confuso da alcuni media con il PTFE o Teflon®, usato per realizzare il rivestimento antiaderente del pentolame da cucina e totalmente sicuro per la sua destinazione d'uso, come hanno ribadito la stessa EPA, oltre all'EFSA (European Food Safety Authority), all'AFSSA (agenzia francese per la sicurezza alimentare) e alla FDA (Food and Drug Administration).
Quest'ultima afferma addirittura che, se particelle del materiale atiaderente dovessero accidentalmente essere ingerite, grazie alla loro inerzia chimica non sarebbero soggette ad alcuna trasformazione e attraverserebbero il nostro organismo come una qualsiasi fibra alimentare, non causando quindi alcun danno.
Nel caso il rivestimento antiaderente dei nostri utensili da cucina risulti graffiato non costituisce dunque un pericolo per la salute. La pentola semmai sostituita perché non è più in grado di assicurare le prestazioni per cui è stato realizzata.

Fonte: www.arredamento.it

Condividi questo articolo