Puliamo la casa con attenzione

La pulizia dell'ambiente in cui viviamo è fondamentalmentale, ma molti prodotti che usiamo per ottenerla sono inquinanti, altri addirittura tossici, come evidenzia questa tabella.

PRODOTTO

TOSSICITA'

COMPONENTI PRINCIPALI

PRECAUZIONI

Disincrostanti (anticalcare)

alta

Acido cloridrico o solforico o fosforico o formico

Usare guanti di gomma. Dopo l'uso chiudere bene il tappo

Disgorganti (lavandini e wc)

alta

Soda caustica o acido fosforico

Usare guanti di gomma, evitare schizzi su braccia, mani e gambe.

Deodoranti per wc

media

Dicloparabenzabenzolo, profumi sintetici

Ventilare gli ambienti dopo l'uso

Detergenti sanitizzanti per wc

alta

Benzalconiocloruro, acido fosforico, tensioattivi

Usare guanti di gomma e proteggere gli occhi con occhiali

Deodoranti per ambienti

bassa

Paradiclorobenzene o naftalina

Non toccare gli occhi dopo averli maneggiati, non aspirate

Insetticidi (mosche e zanzare)

bassa

Pietrine, cinerine& lt;/P>

Non aspirare, ventilare i locali dopo l'uso

Insetticidi (scarafaggi e zanzare)

medio-alta

Carbammati, esteri organofosfati

Non aspirare, ventilare i locali dopo l'uso

Antitarme

alta

Naftalina, canfora

Non ingerire. Se a base di naftalina non inalare

Smacchiatori

media

Trielina, percloroetilene, acquaragia, acetone

Guanti di gomma, non inalare. Usare in locali areati

Antifuliggine& lt;/P>

alta

Acido fluoridrico

Guanti di gomma. Le ustioni compaiono 1-2 ore dopo il contatto

Pulitori per forni

alta

soda caustica, butilglicole

Guanti di gomma. Non inalare. Evitare contatti con gli occhi

Detersivi per piatti

media

coloranti, enzimi, tensioattivi

Guanti di gomma

Detrsivi per lavatrici

media

Perborati di sodio, tensioattivi

Guanti di gomma. Non respirare la polvere

Detersivi per lavastoviglie

alta

Soda caustica, sali di cloro, tensioattivi

Guanti di gomma. Evitare contatti con occhi e viso

Candeggianti

alta

Perborato di sodio o ipoclorito di sodio

Non respirare. Proteggere mani e occhi

Ma allora come garantire l' igiene e la pulizia in casa senza ricorrere a questi prodotti? Ecco alcuni suggerimenti.

 

PROBLEMA

SOLUZIONE

Deodorare il lavello in cucina

Versare scaglie di sapone naturale diluite in acqua molto calda

 

Sturare il lavello o il lavabo

Versare acqua bollente o usare ventosa di gomma, dopo aver chiuso le altre vie d'uscita per l'acqua.

 

Pulizia dei pavimenti in ceramica

Passare con straccio imbevuto di acqua e sapone naturale. Sciacquare accuratamente. Per lucidare: panno con olio di lino, poi straccio di lana asciutto.

 

Pulizia del marmo

Lavare con acqua insaponata; acqua e ammoniaca se è molto sporco. Per macchie particolarmente resistenti acqua e succo di limone.

 

Pulizia delle piastrelle

Passare con straccio imbevuto di alcool. Subito dopo areare accuratamente.

 

Pulizia dei vetri

Straccio imbevuto della seguente soluzione: un litro d'acqua, un bicchiere d'alcool, 5 goccie di detersivo per piatti, aerare con cura.

Pulizia degli specchi

Miscelare in parti uguali acqua salata, ammoniaca e alcool. Poi lucidare con panno asciutto.

 

Pulizia del linoleum

Lavare con acqua saponata, sciacquare molto accuratamente, asciugare subito. Lucidare con panno di lana.

 

Pulizia del frigorifero

Straccio con acqua e aceto in parti uguali.

 

Pulizia del bronzo

Mettere gli oggetti a bagno in una soluzione di acqua e sapone con qualche goccia di alcool.

 

Pulizia dell'argento

Acqua di bollitura delle patate

 

Pulizia del rame

Strofinare con succo di limone e sciacquare accuratamente. Per lucidare: latte cagliato o cenere di legna.

 

Ruggine

Si toglie con olio caldo, ma attenti alle scottature. Altrimenti succo di limone. Dopo aver risciacquato, coprire la parte con olio.

 

Deodorare il wc

Lavare accuratamente la tazza, poi aggiungere aceto nell'acqua dello scarico.

 

Sturare il wc

Acqua bollente e ventosa

 

Lavaggio tessuti

Usare prodotti completamente biodegradabili senza fosfati, come i detergenti a base di cocco, olio di palma ed essenze di agrumi e smacchiatori fatti di pasta di cotone e di lana.

 

Lavaggio stoviglie

  Tratto da: www.vicenzanews.it

Condividi questo articolo