PULIRE SENZA SPORCARE

Sono sempre più numerose le indagini che denunciano la contaminazione della chimica all'interno delle nostre case. Adirittura risulta che nelle abitazioni le concentrazioni delle sostanze dannose siano 70 volte superiori a quelli all'aria aperta e che il 90% di tutti gli avvelenamenti accidentali si verifica in casa.

 

 Dal 1915 ad oggi, sono stati creati 4 milioni di prodotti chimici per la pulizia. Su questi, solo 1 su 5 sono stati  testati per gli effetti potenzialmente tossici, anche se gli studi più recenti riconducono proprio a queste sostanze l'aumento dell'infertilità degli uomini e del tumore nelle donne. Questi rischi peraltro appaiono del tutto ingiustificati, vista l'esistenza di ottime alternative naturali, che a molti appaiono inefficaci solo causa di un vero e proprio lavaggio del cervello operato dalle pubblicità, che hanno letteralmente fabbricato delle convinzioni di cui è molto difficile sbarazzarsi. I detergenti chimici, infatti, diventano non solo sinonimo di schiuma e di un certo odore «di pulito», ma sopratutto di accettabilità sociale, Fortunatamente le nuove generazioni stanno iniziando a porsi delle domande e a mettere in discussione questi modelli mentali: lo dimostra la diffusione di libri come «Casa pulita naturalmente» di Karyn Siegel-Maier, una giornalista e scrittrice americana che ci ha regalato un prezioso manuale fatto non solo di preziosi consigli, ma anche di 101 ricette facili, sicure e non inquinanti per l'igiene della nostra casa. Il suo motto è: «pulisci e lascia vivere» e il suo libro ci accompagna per tutte le faccende domestiche, dalla cucina al bagno, dal bucato alla cura del legno. Ne pubblichiamo uno stralcio dedicato ad una delle superfici più problematiche: quella di tappeti e moquette.

Tappeti puliti naturalmente

Per parecchie persone l'espressione «pulizia profonda» pare evocare l' immagine di un mare di schiuma, di bolle e di acqua che spazza via lo sporco «fin nel profondo». Tutto quello sciabordio di sapone deve per forza pulire il tappeto, no? No. Troppa acqua e troppo sapone lasciano sul tappeto o sulla moquette un residuo che agisce da calamità per lo sporco. Oltretutto, un tappeto umido rappresenta l'ambiente ideale per lo sporco (e le macchie), per non parlare delle muffe e del restringimento del tappeto. Pertanto, in termini di detergenti, la prima regola per pulire un tappeto dice che «meno è meglio è». Se avete mai lavato un tappeto o una moquette con il vapore o con una macchina lavamoquette e avete poi dovuto svuotare il serbatoio, sapete già che razza di porcheria abita tra le fibre. Oltre a minuscoli frammenti di sabbia e pelle morta, ci vive una schiera di antipatiche creature come acari e – se possedete animali – pulci. Tutto ciò, se non controllato, danneggia le fibre. Passare l'aspirapolvere almeno una volta alla settimana, sparpaglierà queste creature e le loro fonti di cibo al tempo stesso. Le zone molto trafficate, ad esempio corridoi, scale e ingressi, si possono spazzare con una scopa o un battitappeto, prima di passare l'aspirapolvere. Questo aiuterà a sollevare le fibre e a portare in superficie lo sporco, per rimuoverlo più facilmente. Così come le ditate sulle pareti, le impronte e le macchie di origine incerta non sono ignote alla nostra moquette. Per quanto si seguiti a insistere «per favore, pulisciti i piedi», i bambini pieni di energie e di fango sulle scarpe da ginnastica spesso dimenticano di fare una pausa sullo zerbino.

Ricette semplici e sicure per la pulizia di tappeti e moquette

Shampoo per tappeti e moquette al rosmarino e lavanda

Questa ricetta è sufficiente per una stanza di tre metri per quattro. Se non riuscite a trovare le scaglie di sapone, potete sostituirle con un quarto di tazza di borace, ma provate questa sostituzione prima su una piccola zona.

Ingredienti: 2 tazze bicarbonato di sodio, 1/2 tazza sapone in scaglie, 20 gocce olio essenziale di lavanda, 8 gocce olio essenziale di rosmarino, 1/2 tazza aceto, 2 tazze acqua calda

1. Pulite il tappeto o la moquette con una scopa o un battitappeto per portare in superfìcie lo sporco, quindi passate l'aspirapolvere sull'intera area.

2. Versate in una ciotola di plastica il bicarbonato e il sapone in scaglie. Aggiungete gli oli essenziali e mescolate bene, frantumando i grumi con una forchetta. Spargete la miscela sul tappeto.

3. In un secchio, versate l'acqua calda e l'aceto. Immergete un panno-spugna pulito nel secchio e strizzatelo per eliminare il liquido in eccesso. Passate con delicatezza il panno-spugna sul tappeto o sulla moquette, lavorando a sezioni. Attendete almeno un'ora, dopodiché passate nuovamente l'aspirapolvere.                   ,

Trattamento antipulci per tappeti e moquette

Provate questa fantastica formula per sbarazzarvi di quelle piccole e seccanti creature. Forse vi sembrerà uno spreco, ma dopo il trattamento è preferibile gettare il sacco dell'aspirapolvere, per evitare una nuova infestazione.

Ingredienti: 2 1/2 tazze bicarbonato dì sodio, 10 gocce olio essenziale di arancia dolce, io gocce olio essenziale di

citronella, 8 gocce olio essenziale di menta piperita o menta romana, 6 gocce olio essenziale di limone o melissa. Passate con cura l'aspirapolvere. Mettete tutti gli ingredienti in un contenitore di plastica e spargete la miscela sul tappeto o sulla moquette. Attendete almeno un'ora, quindi passate nuovamente l'aspirapolvere.

Deodorante semplice per tappeti e moquette

Gli animali domestici e i piedi scalzi possono dar vita a odori poco piacevoli». Questa formula ridona al tappeto un aspetto e un profumo di pulito.

Ingredienti: 1 tazza borace, 1 tazza bicarbonato di sodio, 1/2 tazza farina di mais, 10 gocce olio essenziale dì ginepro, 5 gocce olio essenziale di cipresso.

Versate in una ciotola di plastica gli ingredienti in polvere.

Aggiungete gli oli essenziali e mescolate bene, frantumando i grumi con una forchetta. Spargete la miscela sul tappeto e attendete alcune ore o tutta la notte, se possibile, dopodiché passate l'aspirapolvere.

Shampoo per tappeti e moquette alla menta piperita

Questo preparato è ottimo per pulire zone molto trafficate.

Ingredienti: 3 tazze acqua, 3/4 tazza sapone liquido a base vegetale, 10 gocce olio essenziale di menta piperita Versate tutti gli ingredienti in un frullatore e miscelate. Strofinate il composto sui punti sporchi con una spugna umida. Lasciate asciugare completamente, quindi passate l'aspirapolvere.

Rigenerante alle erbe per tappeti

L'azione combinata di allume e aceto pulisce e solleva le fibre del tappeto. Gli oli essenziali conferiscono un fresco profumo di erbe. Nota: per rimuovere le macchie, strofinatevi sopra un po' di bicarbonato. Lasciate asciugare e pulite con una spazzola a setole morbide, quindi applicare il rigenerante alle erbe. Se le vostre mani devono entrare in contatto con il prodotto, indossate dei guanti.

Ingredienti: 2 litri acqua molto calda, 1/2 tazza allume, 1/4 tazza aceto, 8 gocce olio essenziale di rosmarino, 3 gocce olio essenziale di limone.

Versate tutti gli ingredienti in un secchio. Riempite un secondo secchio con acqua calda per risciacquare. Immergete un panno-spugna pulito nella soluzione di aceto, strizzate il liquido in eccesso e pulite il tappeto lavorando a sezioni. Tra una sezione e l'altra, sciacquate il panno nel secondo secchio e strizzate l'acqua in eccesso. Ripetete fino a completa pulizia del tappeto.

Suggerimenti utili per la pulizia di tappeti e moquette

• Le macchie andrebbero pulite il più presto possibile.

Tamponate sempre una macchia con un asciugamano o un panno, per assorbire il liquido in eccesso. Strofinare energicamente una macchia rischia di farla penetrare ulteriormente nelle fibre e nel fondo del tappeto.

• Badate a non impregnare il tappeto, quando usate detergenti liquidi o acqua. Se il rinforzo posteriore si bagna, le macchie dilagano e trovano un luogo sicuro dove nascondersi, per cui diventerà molto più difficile rimuoverle.

• Gran parte dei cibi può essere eliminata in tutta sicurezza con una soluzione di aceto e un po' di sapone per i piatti. Se lo desiderate, potete prima aggiungere all'aceto alcune gocce di olio essenziale.

• Le macchie e le chiazze di sangue andrebbero tamponate con acqua fredda o acqua gassata. Se la macchia non scompare del tutto, utilizzate un panno inumidito con acqua fredda e due gocce di olio essenziale di eucalipto.

• Spargete sulle chiazze di fango del sale o del bicarbonato. Attendete trenta minuti, quindi passate l'aspirapolvere.

• Le macchie d'inchiostro vanno prima coperte con cremor tartaro. Prendete poi uno spicchio fresco di limone e spremete qualche goccia di succo sul cremor tartaro. Passate con delicatezza alcune volte la polpa del limone sulla macchia. Spazzolate via la polvere e tamponate con una spugna umida. Le macchie d'urina vanno anzitutto tamponate con carta da cucina, per assorbire quanto più liquido possibile. Con una spugna, applicate una soluzione di un quarto di tazza d'aceto, un cucchiaino di sapone per piatti e dalle otto alle dieci gocce di olio essenziale di menta piperita o di eucalipto. Attendete venti minuti (l'aceto e gli oli essenziali contribuiscono a disinfettare l'area macchiata e a eliminare ogni odore), quindi tamponate nuovamente la macchia con un asciugamano pulito e inumidito.

Nota: l'aceto talvolta può far lievemente stingere i tappeti scuri. Provate prima questa formula su una zona nascosta: quarto di tazza d'aceto, un cucchiaino di sapone per piatti e dalle otto alle dieci gocce di olio essenziale di menta piperita o di eucalipto. Attendete venti minuti (l'aceto e gli oli essenziali contribuiscono a disinfettare l'area macchiata e a eliminare ogni odore), quindi tamponate nuovamente la macchia con un asciugamano pulito e inumidito. Nota: l'aceto talvolta può far lievemente stingere i tappeti scuri. Provate prima questa formula su una zona nascosta.

A CURA DI Jessica Pavanello

Tratto da: a.a.m. Terra nuova  Luglio/agosto 2005

Condividi questo articolo