SALUTE: ATTACCHI PANICO INCUBO PER 2 MLN ITALIANI,PIU' DONNE

Una paura improvvisa e paralizzante, al punto di avere la sensazione di stare per morire.

 E' la sindrome da attacco di panico, un disturbo in crescita che riguarda oltre due milioni di italiani. Colpisce inaspettatamente, soprattutto le donne fra i 18 e i 40 anni anche se la forbice tende ad allargarsi, e proprio l'estate e' la stagione piu' a rischio. A descrivere il sempre piu' affollato pianeta 'cuore in gola' e' il neurologo Rosario Sorrentino, che lancia un allarme: ''Proprio l'arrivo dei mesi estivi, complice il caldo ma soprattutto il drastico cambiamento delle abitudini di vita, puo' accendere, nei soggetti predisposti, la miccia del Disturbo da attacco di panico (Dap); un disturbo da non sottovalutare e, soprattutto, da diagnosticare precocemente''. E se di Dap soffrono sempre piu' persone – tanto che si stima che 1 italiano su 3 abbia avuto nella vita un'esperienza di almeno un episodio di attacco di panico, che si manifesta come paura di morire, respirare o volare – la percentuale cresce nelle grandi citta': Roma e Milano, infatti, risultano in testa in termini di incidenza di tale patologia. Dal Dap, pero', e' possibile guarire, grazie ad una terapia farmacologica e di sostegno psicologico mirata. Proprio per venire incontro alle esigenze di questi pazienti, e' nata a Roma, alla Clinica Paideia, l'Unita' italiana contro gli attacchi di panico (UIAP), un centro 'ad hoc' per la diagnosi e la cura del Dap. ''L'attacco di panico – ha spiegato Sorrentino, responsabile dell'UIAP – e' in pratica una bugia che il nostro cervello ci dice: ci rappresenta un pericolo che in realta' non esiste e lo fa cosi' bene da indurci ad agire di conseguenza. La causa e' in parte in una predisposizione genetica, anche se recenti studi – ha aggiunto – hanno dimostrato il peso della componente ambientale''. Fondamentale, ha rilevato l'esperto, e' una diagnosi precoce del disturbo, che spesso si tende invece a nascondere: '& apos;Oggi le armi per guarire dal Dap sono piu' numerose e presso l'Unita' specializzata – ha concluso Sorrentino – sara' anche possibile effettuare il 'Test di scatenamento', una metodica preventiva all'avanguardia che consente di misurare la tendeneza di un soggetto a sviluppare in futuro il Disturbo da attacco di panico''.(ANSA).

Data: 23.06.2004 – 13:55 – ROMA

Condividi questo articolo