Salvare il mondo e risparmiare

Sapete che lasciare accesa la lucina rossa del televisore, ricevitore satellitare, videoregistratore e simili incide sulle spese domestiche in media per un decimo delle bollette della luce? è molto meglio quindi spegnere completamente i dispositivi usando l'interruttore generale o collegandoli a una ciabatta provvista di interruttore.

“Cinquanta piccole cose da fare per salvare il mondo e risparmiare denaro” è il titolo di un libro di Andreas Schlumberger per le edizioni Apogeo che contiene informazioni e piccoli trucchi come quello mensionato.

L'autore ha selezionato “piccole cose”, che riguardano la gestione domestica e che nel complesso fanno una “cosa grande” e che sul piano economico, permettono di risparmiare denaro.

Il libro nasce dalla consapevolezza che la vita di ogni giorno è caratterizzata da scelte e gesti che influiscono non solo sull'ambiente e la salute della Terra ma anche sulle condizioni del nostro portafogli.

Si tratta allora di agire negli ambiti più diversi del quotidiano, dalla casa al giardino, dalla tavola ai mezzi di trasporto.

Il libro rappresenta un vero e proprio manuale, pratico e dettagliato, che invita alla scoperta e all'applicazione di uno stile di vita consapevole e rispettoso dell'ambiente e degli altri.

l'autore, Andreas Schlumberger è un giornalista specializzato in tematiche ambientali e consulente di comunicazione per lo sviluppo sostenibile.

Il volume passa in rassegna numerosi comportamenti e attività quotidiane spaziando dall'utilizzo degli elettrodomestici alle abitudini alimentari, dall'uso dell'automobile alla gestione del verde, dal rapporto con gli animali domestici alla pratica del riciclaggio. Il libro propone dunque semplici espedienti, a volte nemmeno troppo originali, comunque sempre alla portata di tutti.

Ogni capitolo propone la breve trattazione di un argomento specifico e riporta una serie di suggerimenti adottabili per risparmiare e ridurre l'inquinamento: spegnere la luce, cercare lampadine energetiche, fare il bucato col minor spreco d'acqua, isolare bene le finestre onde evitare dispersioni di calore e sprechi di combustibile, cercare automobili adatte al proprio bisogno e comprarsi abiti che sappiano non sfruttare fibre che in natura scarseggiano.

Per esempio: chi ama cucinare dovrebbe sapere anche che il forno ventilato consuma circa il 30% in meno di quello tradizionale, ma anche le pentole fanno la differenza: quelle in vetro, per esempio, permettono di tenere sotto controllo la cottura senza sollevare il coperchio, limitando così costosi sprechi di calore.

Una lampada ad incandescenza consuma elettricità per 90 euro, mentre una lampada a risparmio energetico resta ferma a 18 euro, riducendo i costi dell'elettricità notevolmente. Tra gli elettrodomestici frigo e congelatori incidono per un terzo sui costi per l'elettricità. Alzare di un grado centigrado la temperatura del frigorifero comporta un risparmio del 6% di energia, mentre abbassarla di un grado determina un dispendio energetico molto più notevole.

Per mitigare gli effetti dell'inquinamento acustico e filtrare le polveri nell'aria, è utile avvolgere gli edifici con una cortina di rampicanti: contribuiscono anche a dimezzare le oscillazioni termiche rinfrescando d'estate e riscaldando in inverno, oltre a migliorare l'estetica delle costruzioni.

Il merito del volume è quello di guidare i lettori passo dopo passo con chiarezza e un gran numero di suggerimenti e di mostrare quanto a volte privilegiare scelte ecologiche e corrette sia più semplice di quanto si pensi.

Titolo “Cinquanta piccole cose da fare per salvare il mondo e risparmiare denaro”
Autore Schlumberger Andreas
Prezzo € 9,50
Dati 160 pagine
Anno 2005
Editore Apogeo
Collana Urra

Condividi questo articolo