Serenità a tavola

Alcuni alimenti influenzano positivamente il tono e l'umore aiutando ad essere maggiormente sereni.


La presenza equilibrata nell'organismo dei neuromediatori serotonina, noradrenalina e dopamina è l'indicazione chimica della serenità e del buonumore.

la serotonina favorisce la distensione, il benessere e il sonno;

la noradrenalina stimola il cervello, dà la carica e aumenta la motivazione;

la dopamina stimola il cuore e attiva tutte le sorgenti di energia del corpo.

Alcuni alimenti possono influenzano positivamente il tono e l'umore aiutando ad essere maggiormente sereni:

fornendo all'organismo le sostanze che utilizza per costruire serotonina, noradrenalina e dopamina; stimolando direttamente la loro funzione attraverso alcuni meccanismi.

Per produrre questi elementi il nostro corpo utilizza due sostanze, il triptofano e la tirosina che si trovano in buona quantità:

nei formaggi;

nel pesce azzurro;

nella frutta secca (soprattutto mandorle).

L'acido folico, presente in buona quantità nei legumi e in alcune verdure, come gli spinaci, il sedano rapa, e le insalate verdi anche in piccole dosi contribuisce ad alzare i livelli di serotonina.

Il cioccolato è antidepressivo: contiene teobromina e caffeina, che migliorano la concentrazione e la prontezza di riflessi, anandamide, una sostanza che sembra agire sul sistema nervoso, dando sensazioni di piacere e stimola la produzione di serotonina.

Pane, pasta, riso, castagne sono ottime fonti di amido, che, una volta assorbito dall'organismo, stimola la produzione di insulina avente la proprietà di aumentare il tenore di triptofano nel sangue.

L'olio essenziale contenuto nel peperoncino aggredisce le terminazioni nervose della lingua e della bocca, in risposta alle quali l' organismo produce endorfine, sostanze che agiscono come antidolorifici naturali e funzionano da efficaci rilassanti.

Il caffè, in ogni stagione, è un'iniezione di sprint e buonumore. Per il break pomeridiano e di mezza mattina, si può ricorrere al tè, ricco anch'esso di caffeina.

www.supereva.it

Condividi questo articolo