SICUREZZA. Ciabatte poco affidabili

Le multiple sono comode, ma usatele con prudenza. Il nostro test ne ha bocciate quattro.

Una presa, una spina. Dal punto di vista della sicurezza elettrica in casa è meglio, anche se le prese multiple (“ciabatte”) sono comode. Cerchiamo almeno di non sovraccaricarle, collegando troppi apparecchi elettrici contemporaneamente. Può comportare veri e propri rischi, anche perché, come dimostra questo test, non tutte le ciabatte sono affidabili. Figuriamoci se poi vengono sovraccaricate.

Nove modelli alla prova

Abbiamo portato in laboratorio nove modelli di prese multiple, adatte per spine di standard italiano e schuko (quelle tedesche, per intenderci). Sono tutte dotate di interruttore, utile per spegnere simultaneamente più apparecchi collegati alla rete e quindi risparmiare sullo stand-by tutto l'anno.

Le prese multiple sono state testate secondo la normativa esistente, che prevede prove di tipo elettrico, meccanico e termico.

Da non comprare

I quattro modelli eliminati del test non superano la prova di resistenza al calore (marche e risultati sono nella tabella in fondo).

Come prevede la nomativa, abbiamo messo a contatto le parti plastiche delle prese con un filo incandescente. Hanno superato la prova le multiple che non hanno preso fuoco o se le fiamme si sono estinte da sole entro 30 secondi dalla rimozione del filo incandescente.

Alcune precauzioni

Per non correre rischi inutili:

- non estraete le spine dalla presa tirandole dal filo;

- controllate che i fili elettrici non siano visibili o danneggiati, non fateli passare sotto tappeti o vicino a zone umide;

- non attaccate più adattatori alle ciabatte: rispettate la potenza massima indicata dal produttore;

- in generale non bisogna lasciare accesi gli apparecchi se non sono in uso, quindi anche durante le feste non lasciate le luci dell'albero accese quando siete fuori casa; il rischio è che si surriscaldino, fino a provocare un incendio, che può essere favorito dall'infiammabilità dell'albero, oppure provocato proprio da una multipla inadatta.

Fonte: www.altroconsumo.it

Condividi questo articolo