Spätzli (gnocchetti) di zuccacon cavolo e Bitto

1° Cuocete a vapore la zucca tagliata tocchetti per una decina di minuti, quindi passatela al setaccio, riducetela in purea e raccoglietela in una ciotola. Mescolate bene la zucca con la farina, le uova, il parmigiano, un pizzico di noce moscata e di sale.


Preparazione 30 minuti Cottura 30 minuti
Vegetariano
Facile Calorie 260

Per 8 persone
450 g di polpa di zucca ben soda, 180 g di farina 00, 3 uova, 40 g di parmigiano grattugiato, 16 foglie di cavolo grandi e tenere, 120 g di Bitto, 3 noci di burro, 1 scalogno, 2-3 cucchiai d'olio, noce moscata, sale

2° Portate a bollore abbondante acqua salata. Fatevi scottare le foglie di cavolo per 5 minuti circa, dopo averle lavate e private, se necessario, della parte più dura della costola centrale. Scolate la verdura aiutandovi con una schiumarola e lasciate la pentola sul fuoco.
3° Appoggiate sulla pentola la grattugia per gli spätzli (facilmente reperibile nei negozi di casalinghi) e fatevi passare l'impasto lasciando ricadere gli gnocchetti che si formano nell'acqua bollente. In mancanza della grattugia, procuratevi un attrezzo da cucina che abbia dei fori larghi almeno mezzo cm.
4°  Scolate gli spätzli con la schiumarola dopo un minuto abbondante da quando sono venuti a galla. Sistemateli nella padella con lo scalogno tritato finissimo e fatto precedentemente rosolare con poco olio. Lasciate insaporire gli spätzli per un paio di minuti, a fiamma media. Aggiustate di sale, aggiungete il burro e mescolate delicatamente.
5° Distribuite due foglie di cavolo sui ciascuno dei piatti di porcellana resistente al calore o di terracotta, in modo da rivestire perfettamente il fondo. Sistemate al centro di ogni piatto una porzione di gnocchetti e cospargete con il Bitto grattugiato grossolanamente. Tenete al caldo.
6° Passate, poco prima di servire, i piatti sotto il grill per pochi minuti, in modo che il formaggio si sciolga e gli gnocchetti diventino ben caldi.
In alternativa, potete cuocere la zucca in forno, avvolta nella carta stagnola, e sbucciarla successivamente. Ottima l'aggiunta di una spolverata di tartufo grattugiato da fare direttamente a tavola.


Gelatina di champagne rosé con melagrana
Preparazione: 10' – Cottura: 0
Facile

Per 8 persone
550 ml di ottimo champagne rosé, 6 fogli di gelatina (12 g), 250 ml di acqua, 250 g di zucchero bianco, 2 melagrane mature

1 Scaldate in un pentolino, antiaderente, a fuoco medio, la quantità di acqua prevista con lo zucchero. Mescolate di tanto in tanto, per evitare che si attacchi, fino a quando lo zucchero non si sarà completamente sciolto e poi spegnete. Fate sciogliere i sei fogli di gelatina in acqua fredda e lasciateli in ammollo per circa 5 minuti. Strizzatela, incorporatela allo sciroppo e mescolate finché i fogli di gelatina non si saranno sciolti.
2 Sbucciate le melagrane e sgranate i chicchi, mettetene alcuni sul fondo di otto stampini monoporzione da budino o, in alternativa in coppe da champagne. Versatevi lo Champagne rosé nello sciroppo di acqua e zucchero a cui avrete aggiungto i fogli di gelatina. Mescolate e versate il tutto negli stampini o nelle coppe, avendo cura di  riempire gli stampini fino all'orlo, mentre nel caso in cui utilizziate le coppe, lasciate circa 1 centimetro dal bordo. Coprite con della pellicola per alimenti e metteteli in frigorifero a raffreddare per almeno 2 ore.
4 Sformate le gelatine, se avete utilizzato gli stampini, immergendoli per un istante in acqua calda, poi copriteli con un piattino e capovolgeteli. Ultimate guarnendo con dei chicchi di melagrana e serviteli ben freddi. Utilizzate la stessa guarnizione nel caso serviate la gelatina nelle coppe di champagne.

Cardi all'arancia con capperi e olive

Tempi di preparazione: 25& apos;Tempi di cottura: 40'
Difficoltà: min
vegetariano, Senza uova, latticini e glutine
Per 4 persone
1 cardo grande, 1 limone, 40 g di olive nere snocciolate, 1 cucchiaio abbondante di capperi, 4 foglie d'alloro, 1 cucchiaino di prezzemolo tritato, 1 spicchio d'aglio, 1 pezzo di scorza d'arancia, prezzemolo, olio, pepe bianco, sale, spicchi d'arancia per la decorazione

1 Pulite con cura il cardo eliminando tutte le coste esterne legnose e i filamenti. Tagliate a pezzi di circa 2 cm le coste più tenere e tuffatele in acqua acidulata con la metà del succo del limone.
2 Portate a bollore abbondante acqua aromatizzata con le foglie d'alloro, salatela, aggiungete il succo del limone rimasto e il cardo ben scolato. Fate lessare per 35 minuti, fino a quando il cardo sarà tenero.
3 Tritate finemente l'aglio e rosolatelo per pochi minuti in una padella insieme a 3-4 cucchiai d'olio. Unite il cardo cotto e un trito di olive e di capperi ben dissalati; mescolate delicatamente e lasciate insaporire per pochi minuti.
4 Completate con una spolverata di scorza d'arancia grattugiata e un cucchiaino di prezzemolo tritato; pepate, correggete di sale e servite decorando con qualche spicchio d'arancia.

Menu natalizio vegetariano

L'abbondanza nei banchetti delle feste di cibi costosi o difficili da reperire quali carni o pesci, rapprentava un simbolico augurio di prosperità in tempi di magra. Festeggiando oggi con un prezioso menù vegetariano non si rischia certo di sfigurare con la tradizione, che anzi così si rinnova valorizzando gli autentici  sapori naturali

Sformatini di scarola in salsa di noci

Tempi di preparazione: 30'Tempi di cottura: 50'
Difficoltà: med vegetariano
Per 4 persone
1 cespo di scarola, 250 g di ricotta, 50 g di parmigiano grattugiato, 1 bicchiere di latte fresco, 3 uova, 50 g di gherigli di noce, 40 g di mollica di pane, 2 spicchi d'aglio, 1 peperoncino, 1 cucchiaino di prezzemolo tritato, curcuma, noce moscata, olio, sale, poco burro e pangrattato per gli stampi, gherigli di noce per la decorazione

1 Tritate finemente insieme aglio e peperoncino e rosolateli in 3- 4 cucchiai d'olio per 2-3 minuti a calore medio. Aggiungete la scarola affettata, salate e cuocete per 15 minuti circa. Fate intiepidire e frullate il tutto insieme alla ricotta.
2 Aggiungete le uova sbattute col parmigiano, mescolate bene e distribuite il composto in 4 stampi da 10 cm di diametro, ben imburrati e cosparsi di pangrattato. Infornate a 180 °C per 30 minuti circa.
3 Versate in un frullatore il latte e la mollica già ammollata nel latte, le noci tritate grossolanamente, un cucchiaino di prezzemolo tritato, una macinata di noce moscata, la punta di un cucchiaino di curcuma e un pizzico di sale. Frullate fino a ottenere una salsa cremosa, eventualmente aggiungete altro latte per renderla più fluida. Una volta pronta conservatela al caldo.
4 Lasciate consolidare per 10 minuti gli sformatini a temperatura ambiente. Quindi capovolgeteli al centro dei piatti, ricopriteli con la salsa e decorate con qualche gheriglio.

Sfoglie al papavero con farcia ai porri
Tempi di preparazione: 25'
Tempi di cottura: 40'
Difficoltà: med
vegetariano, senza uova

Per 4 persone
120 g di pasta sfoglia pronta, 600 g di cavolo cappuccio, 2 porri piccoli, 2 cucchiai di semi di papavero, 1 pezzetto di zenzero fresco, rosmarino fresco, olio, sale, spicchi di mandarino per la decorazione

1 Private i porri dalle sommità verdi, divideteli a metà per il lungo senza separarli e affettateli fino alla radice. Sfogliate il cavolo e tagliatelo a fettine sottili. In una grande padella sistemate i porri, il cavolo, 3-4 cucchiai d'olio, mezzo cucchiaino di zenzero grattugiato e un pizzico di sale.
2 Mescolate bene, coprite e cuocete per una decina di minuti a calore medio; quindi abbassate la fiamma e proseguite per una mezz'ora scarsa,  mescolando ogni tanto e bagnando con poca acqua, solo se necessario.
3 Stendete molto sottilmente la pasta sfoglia e ricavate 8 dischi dal diametro di 9-10 cm. Trasferiteli in una teglia, bucateli con una forchetta, spennellateli con un po' del fondo di cottura delle verdure e cospargeteli con i semi di papavero. Infornate a 200 °C per 7-8 minuti.
4 Aromatizzate le verdure stufate con un cucchiaino di rosmarino tritato e aggiustate, se serve, di sale. Sistemate 4 sfoglie sui piatti e farcitele con cavolo e porri, copritele con le restanti sfoglie con la parte con i semi rivolta verso l'alto. Decorate con spicchi di mandarino e servite.

Albero dolce di Natale al cioccolato e frutta

Tempi di preparazione: 50'
Tempi di cottura: 30'
Difficoltà: media Vegetariano

Per 8 persone
250 g di mascarpone, 150 ml di latte, 120 g di farina 00, 130 g di  zucchero, 130 g di cioccolato bianco, 70 g di cacao amaro, 70 g di burro, 50 ml di caffè (preferibilmente espresso), 30 g di farina di riso, 8 g di lievito per dolci, 1 uovo, 1 melagrana piccola, 1 kiwi, 1 mandarino, 1 fetta di ananas, mezzo cucchiaino di cannella in polvere

1 Setacciate in una terrina le due farine, quindi unite il cacao amaro, il lievito e la cannella. Mescolate insieme il latte e il caffè e amalgamateli gradualmente alle farine.
2 Schiacciate in un'altra terrina il burro ammorbidito e tagliato a tocchetti. Aiutandovi con una frusta montatelo a spuma insieme con lo zucchero, incorporate per ultimo l'uovo.
3 Unite la base di burro all'impasto al cacao e mescolate fino a ottenere una pasta uniforme. Versatela quindi in uno stampo a forma di albero di Natale lungo circa 25 cm, già imburrato e infarinato. Infornate a 180 °C  per 25-30 minuti.
4 Scaldate il mascarpone senza portarlo a ebollizione, aggiungete il cioccolato bianco a pezzi, levate dal fuoco e lasciatelo sciogliere. Quindi mescolate bene per amalgamare i due ingredienti.
5 Lasciate freddare l'albero dolce e rovesciatelo su un vassoio. Ricopritelo completamente e in modo uniforme con la crema di mascarpone; tenetelo poi in frigorifero per circa un quarto d'ora.
6 Sbucciate, nel frattempo, la frutta e dividete in spicchi il mandarino, tagliate a mezze fette il kiwi, riducete in piccoli triangoli la fetta d'ananas, sgranate la melagrana.
7 Guarnite l'albero con i chicchi di melagrana e utilizzate il resto della frutta per abbellire sia i contorni che parte della superficie. Lasciate riposare per un'ora in frigorifero prima di servire.

Nota: la decorazione finale può essere eseguita anche con piccoli biscotti, gocce di cioccolato, confettini, frutta secca o altri elementi natalizi a scelta.


Dessert di panettone con zabaione e mandorle

Tempi di preparazione: 20'
Tempi di cottura: 15'
Difficoltà: med vegetariano

Per 4 persone
250 g di panettone, 170 g di ricotta morbida e cremosa, 2-3 kiwi, 4 tuorli d'uovo, 50 g di zucchero di canna, 30 g di mandorle in scaglie, 100 ml di marsala (preferibilmente all'uovo), 1 cucchiaio abbondante di miele liquido (meglio se d'acacia), mezzo limone

1 Mescolate a lungo  la ricotta con il miele e poi aggiungetevi il panettone sbriciolato. Rivestite 4 coppette da dessert con un foglio di carta velina per alimenti; riempitele col composto e lasciatele riposare in frigorifero.
2 Preparate gli ingredienti per la presentazione finale. Tostate le mandorle in forno caldo a 160 °C per circa 6 minuti; sbucciate i kiwi, tagliateli in sottili fettine e conditeli con poco succo di limone.
3 Sbattete molto bene o con una frusta elettrica i tuorli d'uovo con lo zucchero per almeno 5 minuti: dovete ricavare un composto leggero e spumoso. Aggiungete il marsala e cuocete la crema a bagnomaria per una decina di minuti, mescolando di continuo fino a quando risulterà soffice.
4 Capovolgete le coppette al centro di 4 piattini, eliminate la velina e rivestite completamente il dessert con le fettine di kiwi. Colatevi sopra lo zabaione al marsala, decorate con le mandorle e servite.

Fonte: Il Mangiabio

Condividi questo articolo