Succo di melagrana, toccasana per il cuore

Berne un bicchiere al giorno aiuta a prevenire lo sviluppo di placche di grasso sui vasi sanguigni, riducendo i rischi dell'aterosclerosi.

L'effetto benefico del succo

dipende dalla sua capacità di inibire due geni,

attivati dalle sostanze ossidanti,

che portano le pareti dei vasi a irrigidirsi.

Claudio Napoli e Louis J. Ignaro

Uno studio italo-americano, pubblicato su Pnas, conferma antiche credenze:

cinese, secondo cui il frutto del melograno è simbolo di longevità,

babilonese, che lo identifica con la resurrezione.

I due autori dell'indagine, Claudio Napoli dell'Università di Napoli e Louis J. Ignarro dell& apos;Università della California di Los Angeles, spiegano:

“Studi precedenti hanno dimostrato che la melagrana è ricca di sostanze anti-ossidanti, come i polifenoli. Per questo, bere ogni giorno un bicchiere colmo di succo di melagrana potrebbe essere un modo naturale per prevenire e combattere l'aterosclerosi''

Gli esperimenti, condotti su cellule umane prelevate dalle arterie coronarie e su topi con livelli molto alti di colesterolo nel sangue, hanno dimostrato che il succo di melagrana inibisce i geni ELK-1 e p-JUN: due geni noti per favorire la formazione di placche sui vasi e che vengono attivati dalle sostanze ossidanti o da un flusso sanguigno irregolare (disordine noto in gergo medico come shear stress), la cui inibizione, quindi, ha un effetto protettivo contro l'aterosclerosi.

I ricercatori hanno anche osservato che il succo di melagrana stimola l'enzima sintasi dell'ossido nitrico, anch& apos;esso inibito dallo shear stress, aumentando del 50% i livelli di ossido nitrico vasodilatante e anti-infiammatorio.

Infine, le osservazioni nei topi hanno dimostrato come la melagrana riesca effettivamente a ridurre del 30% la progressione dell'aterosclerosi.

(Fonte Adnkronos Salute)

Condividi questo articolo