Trattare e conservare i cibi in tutta sicurezza

Quando ci si trova a lavorare in cucina e a preparare, cuocere o conservare cibi, bisogna prestare una speciale cura.

 ad ogni momento del lavoro per evitare comportamenti e abitudini scorretti o poco igienici.
Al contempo è necessaria anche un'informazione precisa e dettagliata su tutto ciò che giunge in tavola e che proviene dalla catena della grande distribuzione.

Ecco, allora in semplici passi, le regole fondamentali che devi conoscere per garantire a te e ai tuoi un'alimentazione sicura e consapevole

PRIMO PASSO
Cibi freschi

Facendo la spesa la responsabilità della sicurezza dei cibi acquistati passa dalla catena della distribuzione alle mani dell'acquirente, perciò segui sempre le istruzioni per l'uso e le modalità di conservazione indicate sulle confezioni, dal momento dell'acquisto fino al consumo.

I cibi freschi, sia sfusi che confezionati, sono naturalmente i più delicati: carne, pesce, latticini, cibi pronti o conservati dal negoziante in banchi refrigerati, devono essere trasportati al più presto nel frigorifero di casa. Quando è importante, in etichetta è indicata la temperatura alla quale il prodotto deve essere conservato: per lo più intorno ai 4°C che è la temperatura del frigorifero domestico.

SECONDO  PASSO
Cibi in scatola

I cibi in scatola devono essere conservati in modo da non subire eccessi di caldo o di freddo: la dicitura “conservare in luogo fresco e asciutto” non è un semplice consiglio, ma una condizione necessaria.

Presta particolare attenzione allo stato delle confezioni: quelle gonfie, ammaccate, bagnate o addirittura rotte devono essere rifiutate, così come devono essere evitate quelle dalle quali, all'atto dell'apertura, escano bollicine o gas o il cui contenuto presenti muffe o abbia sapore, odore, consistenza non convincenti. Sensi e buon senso sono sentinelle che meritano ascolto!

Le confezioni deteriorate possono essere restituite al negoziante che deve sostituirle con altre integre.

Ricorda di non improvvisarti preparatore di conserve: per questo tipo di attività sono necessarie conoscenze specifiche.

TERZO  PASSO
I surgelati

Le confezioni di surgelati, all'atto dell'acquisto, non devono essere bagnate, ricoperte di brina o schiacciate, devono essere trasportate in un contenitore termico e riposte nel congelatore nel minor tempo possibile dall'acquisto.

Mantieni sempre i prodotti refrigerati e quelli surgelati alla temperatura indicata sull'etichetta.

Il reparto congelatore del frigorifero domestico deve essere mantenuto alla temperatura di -18°C. Preoccupati che sia ordinato, senza brina (indizio di sbalzi di temperatura) e non eccessivamente carico.

I prodotti surgelati devono essere scongelati seguendo le indicazioni del fabbricante, che compaiono pure sull' etichetta.

Dopo lo scongelamento i surgelati non devono essere mai ricongelati. Questo potrebbe infatti causare seri danni alla salute.

QUARTO   PASSO
Igiene in cucina

Ovunque ci sia materia deperibile com'è il cibo, possono proliferare batteri nocivi, specialmente quando difetta l'igiene. Osserva, dunque, con la massima cura l'igiene della tua cucina e usa metodi di cottura idonei. & lt;/P>

Ricorda poi che lavare le mani prima di cucinare o prima di toccare alimenti da consumare crudi, tenere sempre puliti gli strumenti di cucina, i piani di lavoro e in particolare il frigorifero, sono precauzioni che possono sembrare banali, ma che diventano indispensabili per garantire igiene e sicurezza alimentare.

Condividi questo articolo