UN ROSSO NATALE…

In questo periodo prenatalizio vogliamo parlare di rosso. Non siamo esperti in simbolismo, ne' abbiamo velleita' da scienziati/studiosi, ne' tanto meno da cromoterapeuti. Vogliamo riflettere sul colore natalizio per eccellenza, il colore che, nell'immaginario collettivo, acquisisce sempre piu' la valenza dell'urgenza, dell'importanza, della volonta' di evidenziare, sottolineare.

Stiamo pensando alla penna rossa che segnala l'errore, al rosso che vieta e limita, a quello che segnala associazioni a scopo benefico – pensiamo al fiocchetto rosso dell'aids -, alla croce dell'ambulanza… In generale, in tutti questi casi il rosso viene scelto perche' si fa notare, perche' l'occhio lo vede e, in qualche modo, la mente lo ricorda. Perche' lo teme? Perche' le rammenta il sangue o il fuoco? Perche' s'impone sugli altri colori spiccando e brillando in prepotenza? Probabilmente per questo e per tanti altri motivi. Ma il rosso e' anche, e soprattutto, il colore del Natale. In questo caso non perche' deve segnalare un pericolo, far notare un bisogno, sottolineare un errore. Il rosso natalizio racchiude in se' il calore, l' amore, la gioia della festa. Quasi sicuramente e' il colore per eccellenza della festivita' laica, ma accenniamo soltanto al sangue della strage degli innocenti – Erode -, il sangue di Maria che partorisce all'addiaccio, il sangue che in futuro bagnera' la croce.

… DA DECORARE

L'Euphorbia pulcherrima ovvero la Stella di Natale, il vestito di Babbo Natale, le bacche del pungitopo, le tante decorazioni, palle, fiocchi e nastri, tutta la biancheria che immancabilmente si tinge di rosso, tovaglie e lenzuola ma anche canovacci, grembiuli, presine… Rosso! E veramente non c'e' colore piu' intenso, piu' caldo, piu' forte per vestire la propria a casa a festa. Cominciamo dall'albero di Natale, invece di rispolverare le solite palline decorative, munitevi di tulle rosso e decorate i rami del vostro albero con tanti fiocchetti vaporosi. Alternateli a composizioni preparate con cannella, fette d'arance essiccate, piccole pigne, noci e semi dipinti color oro. Non lasciatevi tentare da quelle gia' pronte! Ormai e' facile trovare tutto il materiale occorrente per dare libero sfogo alla vostra creativita'. In commercio infatti esistono sacchetti con cannella, arance, pigne, etc… Procuratevi della colla, del colore, del filo e il gioco e' fatto. Le pigne tra l'altro si prestano per una decorazione un po' rustica ma assolutamente natalizia. Tagliate un pezzetto di spago, legate una cima alla pigna – dalla punta – e con l'altra formate un occhiello – per poterla appendere. A questo punto sbizzarritevi con colori e brillantini. L'effetto migliore si ottiene con una pasta/colla di brillantini colorati. Infatti, anche con pochi tocchi qua e la' sulla vostra pigna, otterrete delle luccicanti decorazioni da appendere qua e la' per casa: ai pomoli dei cassetti o delle ante dei pensili, ai lampadari, alle maniglie delle porte, alle finestre… Un'altra naturale decorazione molto piccante e' il peperoncino! Secco si presta per decorare l'albero, con quello fresco si possono fare dei mazzetti da posizionare in un piccolo vaso, o per decorare una tovaglia bianca. A proposito di tovaglia! Invece di optare per una biancheria da tavola gia' colorata, o gia' decorata di rosso, sceglietene una bianca e divertitevi a creare delle macchie di colore, con il centrotavola, i segnaposto ed altri elementi decorativi da posizionare tra le stoviglie. Rametti di vischio possono essere utilizzati come segnaposto, accompagnati da un piccolo cartoncino con il nome; le immancabili candele, in versione rosso bollente, possono spiccare da centro tavola; sottobicchieri e sottopiatti, anche di carta, ma di un bel rosso vivo; nastri rossi al posto dei portatovagliolo… I sottobicchieri si possono inventare anche all'ultimo minuto con un bel cartoncino da cui ritagliare i tondi, da decorare poi con semi, o ancora con i brillantini di cui sopra. In conclusione, ci sentiamo di consigliare sempre di pensare innanzitutto al rosso naturale, ovvero quello di fiori, frutti e verdure. Fatevi un giro al mercato e… reinventate il vostro Natale.

Fonte: casa dolce casa

Condividi questo articolo