Una casa a prova di polvere

Nonostante i tanti ritrovati per l'eliminazione della polvere, sarà sempre impossibile liberarsi del tutto di essa



La polvere di casa è formata da vari elementi, tra cui acari, frammenti di pelle morta, batteri, peli degli animali domestici (se ne avete in casa), pezzetti di cibo, residui di insetti ed altro ancora. Ed è proprio questa polvere a causare la maggior parte delle allergie che si presentano, fastidiosissime, tra le quattro mura di casa. è facile riconoscerla: occhi arrossati, prurito al naso, gli starnuti inevitabili che seguono sono i sintomi inequivocabili dell'allergia alla polvere.

L'allergia viene scatenata da cellule dette mastociti, che, entrate in contatto con gli allergeni, liberano istamina
L'allergia più comune è quella agli acari, insetti microscopici che si trovano dappertutto in casa: nei tappeti, nei materassi, nei cuscini, nella moquette, … Sono in verità le loro feci che, respirate, scatenano le crisi allergiche e causano riniti ed asma.

Gli acari si nutrono della pelle morta che ciascuno di noi perde ogni giorno, si moltiplicano in un clima che varia tra i 15 ed i 30 gradi centigradi, ad umidità tra 60% e 80%, con rapidità eccezionale, e si accumulano proprio nella polvere.

Cosa fare?

Cosa si può fare, allora, per contrastare questi effetti negativi degli acari sulla nostra salute?

Va premesso che è impossibile disfarsi completamente degli acari, però si può cercare di ridurre la loro concentrazione tra le mura domestiche.

Innanzitutto si può cercare di eliminare, o almeno limitare, la presenza di quegli oggetti che favoriscono l'accumulo degli acari, come i tappeti, i pupazzi di peluche e la moquette; in seconda istanza, si possono utilizzare tende prodotte con materiale sintetico da lavare molto spesso; anche aprire la finestra più volte durante la giornata può aiutare, perché abbassa l'umidità che si concentra in casa.

Per quanto riguarda la pulizia è meglio utilizzare una mascherina durante le faccende di casa, aspirapolvere di ultima generazione, con filtro ad acqua anziché a sacchetto, che impediscono la rimessa in circolo della polvere, e panni umidi o antistatici per togliere la polvere dai mobili che assicurino una pulizia più profonda.

Fonte:www.paginemediche.it

Condividi questo articolo