Una zuppa d'orzo e il colesterolo scende

Se il colesterolo è alto, in nove casi su dieci dipende da quello che mangi. Tanto che una dieta adeguata riesce ad abbassarlo di circa il 15 per cento. Non è poco: se ora è a 190, per esempio, puoi farlo scendere a circa 160, il livello ideale. Ma c'è di più. Uno studio pubblicato sulla rivista americana Jama ha scoperto che, oltre ai cibi anticolesterolo già noti, come pesce, pasta e cereali integrali, ce ne sono altri molto efficaci. La ricerca ha dimostrato che se si consumano anche avena, orzo, soia e mandorle la diminuzione del livello del colesterolo può arrivare addirittura al 25 per cento.

 


«Questi alimenti andrebbero aggiunti con una certa metodicità alla dieta consigliata dal medico» suggerisce Alessandro Boccanelli, presidente dell'Associazione medici cardiologi ospedalieri.

Come organizzare allora il menu? Partiamo dalla colazione e introduciamo l'avena. La puoi acquistare in fiocchi e utilizzarli come se fossero corn flakes. Oppure compra una qualità di biscotti che la contenga come ingrediente-base.

Per quanto riguarda l'orzo, consumalo un paio di volte alla settimana: preferisci il tipo perlato, che cuoce in circa 20 minuti, e cucinalo come un risotto. La soia cosiddetta verde, invece, va aggiunta alla zuppa di verdure almeno una volta alla settimana.

Con la stessa frequenza puoi usare la soia rossa: lessala e impastala con prezzemolo e pangrattato e mettila come ripieno delle zucchine, da cucinare al forno. In altri due pasti settimanali utilizza, poi, una manciata di mandorle spezzettate. Puoi aggiungerle ai bocconcini di petto di pollo infarinati e cucinati con verdure. O al nasello saltato in padella con succo di limone e vino bianco.

«E, a proposito di pesce, ricordiamo che andrebbe consumato un giorno sì e uno no» dice Boccanelli. «Contiene i benefici acidi grassi omega 3 che impediscono al colesterolo di depositarsi nelle arterie». Attenzione, però, a non cucinarlo a fiamma vivace: a temperature troppo elevate gli omega 3 si alterano e generano sostanze tossiche per l' organismo.

E se si sa che bisognerebbe completare i pasti con la frutta, non tutti conoscono le virtù della mela: contiene un tipo di fibra, la pectina, che ha un'azione anticolesterolo molto spiccata. Bevi anche tutti i giorni un bicchiere di spremuta di pompelmo: contiene sostanze che aiutano a contrastare l'ipercolesterolemia.

di Monica Tizzoni

Fonte: www.donnamoderna.com

Condividi questo articolo