Vino rosso contro l'influenza

Il resveratrolo, sostanza presente in circa settanta piante, e particolarmente abbondante nella buccia dell'uva, si è dimostrata capace di difendere l'organismo dai virus influenzali.

L'azione protettiva del resveratrolo
nei confronti dei virus dell'influenza
si esplica impedendo al virus
di replicarsi all'interno delle cellule
dell'epitelio respiratorio.
Menotti Calvani


Il resveratrolo, sostanza presente in circa settanta piante, e particolarmente abbondante nella buccia dell'uva rossa, si è dimostrata capace di difendere l'organismo dai virus influenzali.

I risultati di uno studio di un gruppo di ricercatori dell'Istituto Superiore di Sanità, delle università di Roma La Sapienza e Tor Vergata e del Consiglio Nazionale delle Ricerche pubblicato sul Journal Infectious Diseases e presentato in un incontro scientifico a Budapest sull'influenza.


La protezione è stata verificata sia in colture cellulari, sia in vivo sugli animali da esperimento, nei quali ha ridotto la mortalità del 60%.

“Il resveratrolo, a contatto con le cellule infettate dal virus, inibisce l'enzima proteinchinasi C e la successiva cascata intracellulare di segnali, che porta alla fosforilazione di proteine coinvolte nella traslocazione delle particelle virali di nuova sintesi dal nucleo al citoplasma”, spiega Menotti Calvani, Docente di Metabolismo all'Istituto di Medicina Interna dell'Università Cattolica di Roma e Direttore Scientifico della Sigma Tau .


Le prime osservazioni di un possibile effetto anti-influenzale del resveratrolo risalgono a qualche anno fa. Un gruppo di ricercatori spagnoli, aveva infatti intuito che il vino rosso, a differenza di altre bevande alcoliche, era in grado di contrastare il diffondersi dell'influenza.


Gli autori, per il loro studio pubblicato su American Journal of Epidemiology, avevano arruolato oltre 4.000 studenti universitari, dei quali erano state esaminate le abitudini alcoliche, mettendole in relazione con il rischio di sviluppare una sindrome influenzale.

Fonte Ansanews

Condividi questo articolo