Acquaviva Italia porta nelle scuole il sistema per depurare l’acqua del rubinetto

acqua_bottiglia E’ partito il progetto “Acqua fonte di vita” promosso da Acquaviva Italia che ha donato agli asili e alle scuole elementari dei Comuni di Trenzano, Cossirano e Logrado, tutti in provincia di Brescia, il sistema di filtrazione idrica che rende l’acqua del rubinetto più buona e sicura. L’impianto, collegato alla rete, rinfresca l’acqua che esce dal rubinetto e la filtra, rendendola più buona e pulita: una bella novità per gli alunni e i loro insegnanti che possono bere un’acqua depurata e più sicura e un bel risparmio per le casse comunali.   “L’anno scorso abbiamo speso 800 euro per rifornire l’asilo di bottiglie d’acqua – ha precisato il Sindaco di Lograto Alberto Mezzana - Ora i nostri bambini avranno a disposizione la già ottima acqua del nostro acquedotto, ulteriormente filtrata e depurata, con maggior risparmio, praticità e rispetto per l’ecologia”.   Considerando un consumo medio per una scuola di circa 11 mila litri di acqua all’anno, utilizzando l’acqua della rete idrica si evita un considerevole acquisto di contenitori in plastica, eliminando sia lo spreco di eventuali mezze bottiglie vuote sia i costi legati al loro smaltimento. “Consumare acqua a km zero significa non fare ricorso ai trasporti e quindi meno traffico e meno incidenti. Significa anche meno lavoro amministrativo e di stoccaggio in magazzino, meno ordini, fatture e registrazioni. Inoltre – ha sottolineato Riccardo Marchini, Amministratore Delegato di Acquaviva Italia – vengono eliminate le bottiglie in plastica, evitando la produzione di CO2 durante l’imbottigliamento e lo spreco di energia conseguente alla raccolta differenziata e al trattamento”.

Condividi questo articolo