Aumenti tariffe, le proposte di Vodafone e Wind

cellulareNei giorni scorsi Altroconsumo ed altre associazioni dei consumatori avevano segnalato il caso di tantissimi utenti Wind e Vodafone che hanno ricevuto messaggi e notifiche dal loro operatore riguardanti un imminente aumento delle tariffe di due opzioni che, per come erano state pubblicizzate e vendute, dovevano rimanere invariate per “5 anni” o “per sempre”. I due gestori di telefonia si sono subito attivati per porre rimedio ad una situazione che, seppur legittima (l’art 70 del Codice delle Comunicazioni consente alle compagnie telefoniche di modificare le condizioni tecniche ed economiche del contratto in qualsiasi momento purché comunichino al cliente il tutto almeno 30 giorni prima dell’entrata in vigore della modifica), è comunque da considerarsi una pratica commerciale scorretta.

Non è lecito, infatti, ingannare l’utente con promesse di tariffe “eterne” o, ancor peggio dal punto di vista contrattuale, con tariffe che promettono di rimanere invariate per un lasso di tempo ben definito (5 anni). Si tratta di una prassi commerciale illecita e scorretta, perché trae in inganno l’utente con promesse che gli operatori sanno già di poter non mantenere.

Vodafone, prima, e Wind, poi, hanno deciso di offrire ai propri clienti un ventaglio di opzioni che consentono a chi è scontento di valutare soluzioni alternative, più in linea con le proprie necessità. Altroconsumo ma messo a disposizione dei clienti due questionari che, se compilati, consentono di ricevere una proposta tariffaria.

Sei un cliente Vodafone?

Se sei cliente Vodafone e possiedi l’opzione “Smart 350” oppure l’opzione “Tutti 500+500”, compila il nostro questionario per ricevere direttamente una nuova proposta tariffaria.

 

Richiedi a Vodafone

 

Hai sottoscritto le opzioni Wind?

Se sei un cliente Wind e possiedi l’opzione “All inclusive Digital” con formula “prezzo bloccato per 5 anni”, compila il nostro questionario per ricevere direttamente una nuova proposta tariffaria.

 

Richiedi a Wind

Condividi questo articolo