CdM, Mipaaf: approvato decreto con interventi su latte, olio, Xylella

olio

Interveniamo per il rilancio di settori strategici per l’agricoltura italiana come il latte e l’olio d’oliva attraverso azioni concrete per il breve e medio periodo”: così il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina ha presentato i provvedimenti adottati ieri in Consiglio dei Ministri, con interventi in particolare sul settore del latte, dell’olio e per fronteggiare il caso Xylella. “Diamo una risposta urgente ai 35 mila allevatori italiani dopo la fine delle quote latte, consentendo la rateizzazione delle multe per l’ultima campagna, puntando sull’organizzazione e intervenendo sui contratti con novità rilevanti – ha spiegato Martina – Per l’olio, dopo un’annata complicata, procediamo con il piano nazionale con lo stanziamento di 20 milioni di euro che verranno accompagnati anche dalle risorse dei Psr delle regioni interessate, per un settore che nella sua parte agricola vale circa un miliardo e mezzo di euro, con l’obiettivo di arrivare a una crescita del 25% della produzione italiana nei prossimi anni”.

“Facciamo fronte anche alle esigenze degli agricoltori e dei vivaisti colpiti dalla Xylella in Puglia – ha proseguito Martina – con la deroga per l’attivazione del Fondo di solidarietà nazionale e un primo stanziamento di 11 milioni di euro per i danni subiti. Sono soddisfatto perché abbiamo mantenuto gli impegni presi e l’attenzione del Governo per l’agroalimentare resta alta e consente di affrontare passaggi difficili con la giusta determinazione”.

Il Consiglio dei Ministri, nel dettaglio, ha approvato il decreto legge urgente per il rilancio dei settori agricoli in crisi, di sostegno delle imprese agricole colpite da eventi di carattere eccezionale e di razionalizzazione delle strutture ministeriali. “Il decreto – spiega una nota del Mipaaf – interviene in particolare a favore delle filiere del latte e dell’olio, e contiene misure per l’accesso al fondo di solidarietà nazionale per le imprese agricole che hanno subito danni a causa delle piogge alluvionali 2014 e delle infezioni di organismi nocivi ai vegetali, come la Xylella fastidiosa”.

Per il settore dell’olio, e per contrastare la crisi del settore olivicolo e oleario, il Governo ha dato il via libera al Piano olivicolo nazionale con una dotazione di 20 milioni di euro nel triennio 2015-2017. Questo intervento fa parte di una più ampia azione operativa che prevede un coordinamento con le Regioni per far leva sui fondi europei dei Psr e rafforzare ulteriormente l’operazione a favore dei produttori. Gli interventi, spiegano dal Mipaaf, puntano al recupero del potenziale produttivo e competitivo con aumento del 25% delle quantità prodotte a livello nazionale nei prossimi 5 anni, arrivando a quota 650 mila tonnellate.

Altro tema affrontato è l’emergenza della Xylella. “Per andare incontro alle necessità degli agricoltori e dei vivaisti danneggiati dalla diffusione del batterio Xylella fastidiosa in Puglia viene stabilita la deroga per l’attivazione del Fondo di solidarietà nazionale, che segue la dichiarazione di calamità – spiega il Ministero –Allo stesso tempo vengono destinati i primi 11 milioni di euro per gli interventi compensativi a favore dei produttori che hanno subito danni. È la prima volta che questa norma si applica a emergenze fitosanitarie provocate da infezioni degli organismi nocivi, prevista solo per eventi atmosferici. La procedura prevede che la Regione interessata possa fare richiesta di stato di calamità entro 60 giorni a partire dall’adozione delle misure di contenimento o di eradicazione da parte delle competenti autorità nazionali ed europee”.

Condividi questo articolo