Conti correnti: ecco l’era del Grande Fratello fiscale

Entro il 30 giugno, banche e istituti comunicheranno i dati sulla giacenza media di tutti i conti correnti in relazione al 2014

 

Conti correnti italiani sotto la lente d’ingrandimento del nuovo sistema fiscale. È già stata ribattezzata “Riforma dell’Isee” ed è parte di una serie di soluzioni varate dal Governo Renzi per combattere l’evasione fiscale. Ad oggi, la gestione del proprio deposito implica l’obbligo di fronteggiare una serie di problematiche e la necessità di valutare al meglio le proprie scelte. A tal fine, il web ha visto la nascita di specifici portali e in molti utilizzano i servizi di comparazione tra conti correnti di supermoney.eu e di altri siti del settore per individuare le soluzioni più adatte alle proprie esigenze. Il nuovo sistema di controllo della fiscalità richiederà ai cittadini un’attenzione maggiore, il Fisco italiano sta per estendere il proprio potere di vigilanza sui risparmi delle famiglie.

Dal 730 precompilato alla trasmissione della giacenza: conti correnti 3.0

L’introduzione del 730 precompilato è stato il primo strumento lanciato dal Fisco italiano per rendere la vita più agevole agli italiani ma soprattutto per ampliare il proprio potere di controllo sulla liquidità delle famiglie. La seconda fase sarà inaugurata dal prossimo 30 giugno, quando tutti gli istituti di credito saranno chiamati a inoltrare all’Anagrafe tributaria italiana la giacenza media di tutti i conti correnti di propria gestione in relazione al 2014.

I dati trasmessi dagli enti saranno archiviati all’interno del database dell’Inps e utilizzati per calcolare l’Isee. Fino all’anno scorso, per inoltrare la richiesta di attestazione del reddito famigliare – che dà accesso ad agevolazioni fiscali e a sconti sulle tasse universitarie – era sufficiente un’autocertificazione firmata dall’intestatario della domanda. Da adesso in poi, il Fisco avrà facoltà di ricavare in autonomia i valori Isee dei cittadini. Previsti inoltre controlli severi sulle dichiarazioni fiscali relative agli anni precedenti al 2014.

Cos’è la giacenza media

Per giacenza media dei conti correnti si intende l’importo delle somme versate sui conti correnti dei contribuenti italiani suddivise per il numero di giorni. Tale dato serve a stimare la quantità di denaro posseduta dai cittadini e a confrontarlo con quanto attestato in sede di dichiarazione fiscale. In pratica, si calcola il numero di crediti totali riportati negli estratti conto nel corso di tutto l’anno diviso 365 (giorni).

Un deterrente efficace contro l’evasione

Nonostante le critiche palesate soprattutto dai garanti del diritto alla privacy, il nuovo sistema di controllo ha già dimostrato di essere efficace contro l’evasione fiscale. Uno studio della Cisl ha messo in evidenza come nel 2014 la componente patrimoniale (l’ammontare dei depositi + gli investimenti finanziari) abbia pesato per il 20,5% sul calcolo dell’Isee, contro il 13,6% riscontrato lo scorso anno.

Condividi questo articolo