Contratti truffa, MDC denuncia all’Europa il “caso Italia” per delibera Autorità energia

luce-gas-conciliazioneTroppi ostacoli alla tutela dei consumatori nei confronti delle pratiche commerciali scorrette attivate nelle forniture di energia elettrica e gas. E un punto debole: una delibera dell’Autorità per l’energia che il Movimento Difesa del Cittadino considera inaccettabile perché non permette ai cittadini di difendersi nei confronti dei “contratti truffa”. Per questo l’associazione ha deciso di denunciare nuovamente alla Commissione europea il “caso Italia”.

“La sovrapposizione della Deliberazione dell’Autorità per l’Energia Elettrica (n.266/2014), il Gas e i Servizi Idrici alla Direttiva europea sui diritti dei consumatori rappresenta una grave perdita di diritto per i cittadini italiani che restano esposti, senza potersi difendere, ai contratti truffa. Per questo, dopo l’esposto dello scorso giugno, abbiamo deciso di denunciare nuovamente alla Commissione Europea il “caso Italia”, dove i consumatori sono costretti a pagare le forniture energetiche non richieste”: questa la posizione del Movimento Difesa del Cittadino, che insieme ad altre associazione è autore della segnalazione all’Antitrust che nei giorni scorsi ha aperto istruttorie nei confronti degli operatori Eni, Hera, Acea e Beetwin. Dice MDC: “Se infatti l’Europa protegge i cittadini vittime di contratti truffa sostenendo che nulla devono in caso di allacci abusivi, in Italia la Deliberazione, pur garantendo il ricorso al Codice del Consumo, trova giustificazione solo nella possibilità del cittadino di non incorrere nel cosiddetto “coefficiente di morosità” e nel ripristinare il rapporto contrattuale con il venditore precedente senza problemi”. Come aveva denunciato già all’indomani dell’apertura dei procedimenti dell’Antitrust, l’associazione sottolinea che “nonostante il divieto di pagamento delle forniture abusive ai consumatori previsto dalla Direttiva Europea n.83/11, con la Delibera n. 266/14/R/Com, il Garante ha confermato comunque l’obbligo per gli utenti di pagare l’energia elettrica o il gas alle società da cui è stato truffato detratta la sola componente della vendita”.

“Una cosa inaccettabile che non costituisce un deterrente per le pratiche commerciali scorrette – conclude il vicepresidente di MDC Francesco Luongo – anzi conferisce ancora più potere ai rivenditori disonesti che si riservano la possibilità di sospendere illegittimamente l’energia elettrica all’utente. A novembre l’Autorità ci aveva rassicurati sull’abrogazione della delibera, cosa che ad oggi non è stata fatta e costituisce un vero e proprio ostacolo per far valere i diritti dei consumatori. Chiediamo quindi un intervento della Commissione Europea per abrogare la Delibera salva truffe e far rispettare l’applicazione della Direttiva Europea che regola i contratti a distanza e fuori dai locali commerciali anche nel nostro Paese”.

Condividi questo articolo