Domiciliazione bollette sul conto corrente online: come funzionano?

Anche per chi possiede un conto corrente online è possibile attivare la domiciliazione delle bollette sul conto corrente: un servizio semplice e gratuito

Ogni consumatore ha il diritto di scegliere il prodotto bancario più adeguato alle personali esigenze, chi possiede un capitale che può restare immobilizzato può mettere i conti deposito più convenienti a confronto mentre chi ha l’esigenza di effettuare operazioni continue sul proprio denaro è meglio che scelga un conto corrente online. Ormai sicure al 100% le banche online offrono gli stessi servizi di quelle fisiche, con la comodità di poter gestire tutto dal pc di casa.

Si può risparmiare molto con un conto corrente online soprattutto puntando sulle offerte di Conto Arancio (Ing Direct), Webank, CheBanca! o Fineco. Tutti questi istituti di credito mostrano i punteggi più elevati nelle classifiche di soddisfazione dei clienti. In ogni caso tutte le banche danno la possibilità di usufruire dei servizi di home banking e domiciliazione delle bollette sul conto corrente. È un servizio facile e gratuito che va però esplicitamente richiesto alla propria banca con una rapida procedura.

Si tratta di un semplice addebito delle utenze di gas, luce, ecc. direttamente sul proprio conto, evitando così lunghe code alle poste e fastidiose perdite di tempo. Per fare richiesta di tale utile servizio è sufficiente possedere un codice iban. Possono quindi attivare la domiciliazione delle bollette sul conto corrente i titolari di conti correnti tradizionali, online e anche coloro che hanno sottoscritto una carta conto.

Il sistema utilizzato è il Rid (Rapporto Interbancario Diretto) che permette alla banca il prelievo automatico degli importi delle varie utenze direttamente dal conto corrente. La banca semplicemente autorizzerà ogni pagamento disposto dal correntista. Il Rid viene attivato consegnando alla banca un apposito modulo insieme alle bollette di riferimento.

Tale documento può essere facilmente trovato in banca e verrà fornito al momento della richiesta di attivazione del Rid. Inoltre si può recuperare anche nelle sede del gestore dell’utenza, sia essa la compagnia del gas, della luce, del telefono, della pay tv, ecc. Ovviamente è possibile che tale modulo si trovi anche online. Addirittura è probabile che tutto il sistema e l’intera procedura di attivazione possa essere attivata tramite home banking.

Il servizio è tendenzialmente gratuito, la banca potrà al massimo applicare una commissione per il Rid. Quindi, prima di tutto, è bene informarsi sui costi e sulle condizioni previsti dalla propria banca. La domiciliazione delle bollette sul conto corrente, d’altra parte, permette ancora di tenere sotto controllo i propri consumi di gas, luce, telefono, ecc., dal momento che la fattura verrà comunque inviata a casa.

Per chi non fosse soddisfatto del servizio di addebito automatico o preferisca andare direttamente in posta a pagare le proprie utenze è necessario comunicare alla banca la volontà di sospendere la domiciliazione che verrà bloccata in tempi abbastanza brevi.

Condividi questo articolo