Elettrodomestici: le cinque cose che fanno imbestialire i consumatori

Elettrodomestici: le cinque cose che fanno imbestialire i consumatori :: Blog su Today

lava2-

Cosa si aspettano i consumatori da un elettrodomestico? Sarà capitato a ciascuno di noi di arrabbiarsi dopo aver comprato uno di questi apparecchi per la casa, magari perché ci era stato presentato in modo diverso, perché è troppo complicato o a causa dei disservizi dell’assistenza post-vendita.

A giudicare dai reclami che raccoglie ogni anno l’Unione Nazionale Consumatori, ci sono però alcune cose che ci fanno imbestialire più di ogni altra… Vediamo le 7 situazioni piú antipatiche per i consumatori.

1) False promozioni: i consumatori detestano le campagne pubblicitarie ingannevoli, come le vendite sottocosto che offrono prodotti a prezzi favolosi senza dire che gli articoli effettivamente a disposizione sono così pochi da lasciare a bocca asciutta anche gli acquirenti che si presentano all’alba fuori dal punto vendita.

2) Obsolescenza programmata: i consumatori detestano gli elettrodomestici fatti per rompersi (strano caso) appena scadono i termini di garanzia… Ma al di là di questa strana coincidenza, quel è certo che oggi un elettrodomestico ha una durata media assai inferiore rispetto al passato.

3) Mancanza delle Istruzioni. Il consumatore detesta la mancanza del libretto di istruzioni: l’interpretazione restrittiva dell’art. 6 del Codice del consumo (ossia che le istruzioni obbligatorie sono solo quelle sulla sicurezza del prodotto e le precauzioni d’uso) non piace al cliente. Non tutti possono andare su internet a scaricarsi il manuale (e poi perchè devo sprecare il mio toner?)

4) Cattiva assistenza e pezzi di ricambio. I consumatori detestano i disservizi del postvendita: vorrebbero una assistenza tecnica più capillare sul territorio e tempi di riparazione più rapidi. Non è accettabile che non si riescano a reperire i pezzi di ricambio solo perché il prodotto è uscito da qualche anno dalle linee di produzione. Per tutta la vita di un prodotto, i pezzi di ricambio andrebbero garantiti e messi a disposizione, non solo dei centri di assistenza ufficiali ma anche di tecnici indipendenti.

5) Consumi elevati e danni per l’ambiente. I consumatori detestano gli apparecchi energivori, quelli che consumano troppo anche in standby. E, più in generale, si irritano quando vedono poco impegno per la sostenibilità ambientale: riduzione degli imballaggi, linee di prodotti a basso impatto ambientale dovrebbero essere delle priorità! Per non parlare del RAEE: nessuno riprende indietro i vecchi elettrodomestici.

E voi per cosa vi arrabbiate davvero quando comprate un elettrodomestico?



Fonte: www.today.it

Condividi questo articolo