Fondo di garanzia per la casa, Abi: presto attuazione

casa

Con il “Fondo di garanzia per la casa” che presto sarà attuato si prevede un potenziale di finanziamenti alle famiglie che può arrivare a 15 miliardi di euro fra il 2004 e il 2016. Il Fondo vuole garantire l’accesso al credito a famiglie in difficoltà e soprattutto a giovani coppie: a breve verrà pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il regolamento di attuazione del Fondo, mentre l’Associazione bancaria italiana (Abi) e il Ministero dell’Economia firmeranno un Protocollo d’intesa per disciplinare l’accesso delle banche alle garanzie e avviare rapidamente le erogazioni dei mutui.

Questo nuovo strumento, spiega l’Abi in una nota, “rappresenta un’ulteriore spinta allo sviluppo del mercato dei mutui che già registra una fase di significativo rilancio (un’impennata del 29,2% tra gennaio e luglio 2014 rispetto allo stesso periodo del 2013). Così, con l’obiettivo di continuare a favorire l’accesso al credito a nuclei in difficoltà, e soprattutto giovani coppie, il “Fondo di garanzia per la casa” con una dotazione da 600 milioni di euro, tra il 2014 e il 2016, potrebbe garantire finanziamenti per 12-15 miliardi di euro”. L’Abi sottolinea inoltre la grande importanza del Fondo “necessario ad ampliare le opportunità di sostegno al credito verso quelle famiglie che ancora scontano le difficoltà complessive della congiuntura economica in attesa della crescita”.

Per quanto riguarda il suo funzionamento, il ”Fondo di garanzia per la casa” controgarantito dallo Stato prevede il rilascio di garanzie a copertura del 50% della quota capitale dei mutui ipotecari erogati per l’acquisto, o la ristrutturazione per l’accrescimento dell’efficienza energetica, degli immobili adibiti a prima casa, con priorità di accesso per le giovani coppie o ai nuclei famigliari monogenitoriali con figli minori, nonché di giovani con età inferiore a 35 anni.

Condividi questo articolo