Freemarket: a Copenaghen il supermercato dove compri senza pagare

freemarket_5

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

A Copenaghen a metà agosto è arrivato un supermercato insolito, dove puoi ricevere dei prodotti gratis. Al Freemarket si compra senza pagare in moneta sonante. Ma come è possibile? Freemarket chiede alla propria clientela pubblicità sui social network in cambio di prodotti gratis.

Quasi gratis, insomma. Non si paga con il denaro, ma con il tempo dedicato a fare pubblicità al supermercato e, naturalmente, con una parte della propria privacy (qualcuno tiene ancora davvero alla privacy nell’era di Facebook?).

Freemarket si trova nel quartiere Frederiksberg di Copenaghen. L’idea è nata da un gruppo di giovani danesi che ha deciso di creare una startup, seguendo lo slogan “Prova prima di comprare”. L’idea è di promuovere un nuovo modo di fare la spesa.

In poche parole, la clientela del supermercato può ricevere prodotti alimentari gratis in cambio di pubblcità sui social network. Funziona così: si entra nel negozio e si lasciano i propri dati personali, poi si scatta una foto ai prodotti scelti e la si pubblica su Facebook o su altri social, come Twitter e Instagram.

Ogni foto deve essere accompagnata da una descrizione e da un giudizio sul prodotto. Alla clientela che decide di usufruire del negozio è richiesto solo il pagamento di una piccola quota mensile, pari a 2,50 euro. Le aziende che desiderano esporre i prodotti a Freemarket pagano a loro volta una somma pattuita con i gestori, che contribuisce al mantenimento del punto vendita.

Quali sono i vantaggi? Oltre alla possibilità di avere a disposizione dei prodotti gratis, sono proprio i consumatori a decidere le sorti del prodotto e quali marchi premiare o affondare con le loro recensioni e grazie alle scelte personali. Il successo di un prodotto sarà dunque determinato soprattutto dal passaparola e dai giudizi positivi. Pensate che un progetto simile potrebbe funzionare anche in Italia? Vi piacerebbe fare la spesa gratis in cambio di un po’ della vostra privacy?

Marta Albè

Fonte: greenme.it

Fonte foto: freemarket.nu

Condividi questo articolo