Mipaaf, operazione Mela Stregata: sequestrate 16 tonnellate di prodotti illeciti

finanza

Oltre 16 tonnellate di prodotti illeciti destinati all’agricoltura, provenienti dalla Cina e non commercializzabili perché pesticidi pericolosi per la salute: questo il bilancio dell’operazione “Mela stregata” condotta dall’ l’Ispettorato centrale della tutela della qualità e della repressione frodi dei prodotti agroalimentari (ICQRF), in collaborazione con il Comando provinciale della Guardia di Finanza di Cagliari.

I prodotti sequestrati nell’ambito di “Mela stregata” e destinati all’agricoltura convenzionale, biologica e biodinamica – la maggiore parte dei quali provenienti dalla Cina – non sono commerciabili sul territorio europeo e nazionale e “sono considerati altamente pericolosi per la salute pubblica poiché classificati come pesticidi organici ad azione neurotossica”, spiega il Ministero delle politiche agricole, aggiungendo che l’intervento ha riguardato 133 esercizi commerciali di diverse città in tutta Italia (da Alessandria a Varese, da Venzia a Pisa, da Roma a Napoli e Salerno, fino ad Agrigento e Siracusa).

“I nostri organismi di controllo – ha detto il Ministro Maurizio Martina – operano su tutto il territorio nazionale per assicurare la qualità dei prodotti e la correttezza di pratiche in tutti i livelli della filiera agroalimentare. Nel 2014 sono stati oltre 110 mila i controlli effettuati, con un valore dei sequestri di oltre 50 milioni di euro. Bisogna proseguire su questa strada, lavorando in collaborazione con le altre forze di polizia”.

Condividi questo articolo