Olio: da oggi è obbligatorio il tappo antirabbocco

olio

Addio all’oliera in bar, ristoranti, mense e pizzerie: entra in vigore da oggi l’obbligo del tappo antirabbocco per i contenitori di olio extravergine di oliva serviti nei pubblici esercizi. La misura di trasparenza è volta a impedire che le vecchie oliere siano riempite o allungate con prodotti diversi da quelli indicati o con olio straniero spacciato per italiano. Previste sanzioni per chi che vanno da 1 a 8mila euro e la confisca del prodotto. A ricordarlo è Coldiretti. Il tappo antirabbocco è previsto dalla dalla legge europea 2013 bis approvata dal Parlamento e pubblicata sul supplemento n.83 della Gazzetta Ufficiale 261.

Secondo il provvedimento, gli oli di oliva vergini proposti in confezioni nei pubblici esercizi, fatti salvi gli usi di cucina e di preparazione dei pasti, devono essere presentati – sottolinea la Coldiretti – in contenitori etichettati conformemente alla normativa vigente, forniti di idoneo dispositivo di chiusura in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata e provvisti di un sistema di protezione che non ne permetta il riutilizzo dopo l’esaurimento del contenuto originale indicato nell’etichetta. La legge prevede anche sanzioni per chi non userà oliere con tappo antirabbocco che vanno da 1 a 8mila euro e la confisca del prodotto. Diversa e più accentuata la rilevanza cromatica rispetto all’etichettatura degli oli prodotti con miscele provenienti da uno o più Stati.

“In una situazione in cui la produzione nazionale è crollata quest’anno del 35 per cento a circa 300mila tonnellate, occorre adottare tutte le misure necessarie per garantire trasparenza negli scambi, combattere i rischi di frodi e assicurare la possibilità di fare una scelta di acquisto consapevole ai consumatori italiani”, ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel chiedere di mettere a punto “una task force coordinata di controllo per l’immediata attuazione delle norme contenute nella legge “salva olio” approvata dal Parlamento”. L’Italia attualmente è il primo importatore mondiale di oli d’oliva che vengono spesso mescolati con quelli nazionali per acquisire, spiega l’associazione, una parvenza di italianità: in questo caso, Coldiretti lamenta una mancanza di trasparenza legata al fatto che è molto difficile leggere sulle bottiglie di extravergine le scritte “miscele di oli di oliva comunitari”, “miscele di oli di oliva non comunitari” o “miscele di oli di oliva comunitari e non comunitari” obbligatorie per legge nelle etichette dell’olio di oliva perché sono molto piccole, messe dietro la bottiglia e spesso difficilmente visibili. “I consumatori dovrebbero fare la spesa con la lente di ingrandimento per poter scegliere consapevolmente”, dice Coldiretti.

La norma sull’antirabbocco arriva in un momento particolarmente difficile per la produzione nazionale di olio d’oliva, che quest’anno dovrebbe scendere del 35% per una produzione stimata intorno a 300 mila tonnellatein “rosso” ci sono quasi tutte le regioni italiane con cali molto marcati in tutto il Centro Italia. La produzione dovrebbe essere praticamente dimezzata in Spagna. “In queste situazioni il mercato europeo dell’olio di oliva con consumi stimati attorno a  1,85 milioni di tonnellate rischia di essere invaso dalle produzioni provenienti dal Nord Africa e dal Medio Oriente che non sempre hanno gli stessi requisiti qualitativi e di sicurezza – dice Coldiretti – Un rischio che riguarda soprattutto l’Italia che ha visto aumentare le importazioni di olio di oliva dall’estero del 45 per cento rispetto allo scorso anno con un Paese come la Spagna che ha addirittura quasi quadruplicato le spedizioni verso la Penisola (273 per cento), sulla base dei dati Istat relativi ai primi sette mesi del 2014. Se il trend sarà mantenuto l’arrivo in Italia di olio di oliva straniero raggiungerà nel 2014 il massimo storico con un valore pari al doppio di quello nazionale che registra un produzione attorno alle 300mila tonnellate”.

“In altre parole due bottiglie su tre riempite in Italia contengono olio di oliva straniero. Per questo – sostiene Moncalvo – è particolarmente importante l’applicazione delle regole di tutela della produzione di extravergine nazionale approvate in Parlamento e pubblicate in Gazzetta. Se nella ristorazione sono aumentate le garanzie anche con l’auspicabile e immediato avvio delle attività di controllo da parte delle autorità responsabili, nei negozi e nei supermercati il consiglio della Coldiretti ai consumatori è di verificare con attenzione l’etichetta dove, anche se spesso nascosto nel retro della bottiglia ed in caratteri minuscoli, deve essere riportato la scritta “ottenuto da miscela di olio comunitari od extracomunitari” se non si tratta di olio italiano al 100 per 100”.

Condividi questo articolo