Dal 15 novembre scatta l’obbligo delle gomme invernali: perché cambiarle e come sceglierle? Un po’ di risposte le dà l’Unione Nazionale Consumatori, che stila alcuni consigli utili per il “cambio di stagione” delle gomme e che ha messo online l’ABC pneumatici.

“Anche se il meteo di questi giorni ci sta regalando una primavera fuori stagione, da domenica 15 novembre scatta, in alcune regioni, l’obbligo di circolazione con gomme invernali“, afferma Raffaele Caracciolo, esperto di automotive dell’Unione Nazionale Consumatori.  Si può quindi circolare con le catene omologate, i pneumatici con il simbolo M+S o le gomme invernali che riportano oltre al simbolo M+S anche quello del fiocco di neve sul fianco.

“Gli italiani sono ancora molto restii al cambio gomme stagionale -afferma Caracciolo- soprattutto perché l’intervento del gommista due volte l’anno rappresenta una spesa non trascurabile. Eppure a fronte di un costo che si aggira intorno ai cinquanta euro, il risparmio di carburante è notevole; non solo: alternando due set di gomme diminuisce, naturalmente, l’usura. Ma è la sicurezza l’aspetto fondamentale per cui montare pneumatici invernali è la scelta consigliabile: sia con strade bagnate e ghiacciate, che con condizioni ottimali, le gomme invernali garantiscono maggiore aderenza, basti pensare che  lo spazio di frenata delle vetture con gomme invernali è più breve di circa il 30%. Non dimenticate al momento dell’acquisto di fare attenzione alla misura, che deve corrispondere a quella riportata sulla carta di circolazione; inoltre se si sceglie di usare gomme solo invernali, è il caso di valutare se conviene comprare anche i cerchi e provvedere da sé alla sostituzione completa della ruota”.