Risparmiare sulle bollette grazie ad un’app che monitora i consumi

risparmiare sulle bollette

risparmiare sulle bollette

Smappee è un prodotto che permette di controllare i consumi domestici e, di conseguenza, risparmiare sulle bollette dell’energia elettrica

Il caro-vita si è abbattuto, funesto, su ogni aspetto della vita odierna. Tra bollette, rate del mutuo, spese e oneri vari, gli italiani hanno imparato a fare i salti mortali tripli per contrastare un’emorragia di denaro sempre più pressante. Riguardo all’esigenza di risparmiare sulle bollette, l’usanza più comune ed efficace è quella di porre le forniture luce e gas migliori a confronto, sfruttando la possibiltà di aderire al mercato libero e ai vantaggi che esso implica. Parallelamente, i cittadini sono diventati consumatori più assennati, sprecano meno e si orientano anche con più convinzione verso il settore rinnovabile. Intanto, ulteriore sostegno alle famiglie italiane sta per giungere dalle tecnologie domotiche.

Si tratta di Smappee, l’ultima trovata del settore smart house che permette di monitorare i consumi di casa, gestire con maggior consapevolezza ogni dispositivo elettronico e, di conseguenza, risparmiare sulle bollette di casa. Smappee permette di controllare il consumo istantaneo di forno, frigo, calorifero, condizionatore e ogni altro dispositivo necessiti di corrente elettrica per il proprio funzionamento. Proprio nell’istantaneità del rilevamento sta la novità di tale innovazione.

L’applicazione di tale tecnologia, inoltre, è davvero semplice; non è richiesta l’installazione di alcuna linea specifica, Smappee è infatti in grado di rilevare i campi magnetici emessi dai vari elettrodomestici e di segnalarne prontamente il consumo. Una specifica app, sviluppata sia per android che per iOs, consente la lettura immediata delle rilevazioni. L’app invia anche tempestive notifiche sul cellulare per segnalare quando un dispositivo è stato spento o acceso, una trovata utilissima soprattutto per i più distratti.

Il prodotto, tuttavia, sebbene sia già in commercio in molti Paesi europei e in procinto di raggiungere anche il mercato statunitense, presenta ancora alcune criticità. Ad esempio, esso non è in grado di riconoscere dispositivi a basso consumo energetico, come, ad esempio, i numerosissimi caricabatterie che ormai ognuno di noi dissemina per casa. Il problema è comunque risolvibile attraverso l’installazione di uno specifico allaccio Wi-Fi che consente la lettura anche dei dispositivi a basso voltaggio e la consultazione dei consumi in modalità ‘offline’. Il costo di Smappee è pari a 249 dollari in America e presto arriverà anche in Italia al prezzo di 199 euro.

Condividi questo articolo